Seguici su

Digitale

Gli hacker attaccano Quora: trafugati i dati di 100 milioni di utenti

La piattaforma Quora ha subito un attacco informatico che ha esposto le credenziali di 100 milioni di utenti. Quora è una piattaforma tipo a Yahoo! Answers, che mette in contatto chi ha una domanda con chi potrebbe dare una risposta, la piattaforma afferma di avere 300 milioni di utenti. La società ha spiegato che l’attacco non sarà sottovalutato e ogni utente coinvolto riceverà un’email con dettagli e consigli per mettere in sicurezza il proprio profilo.
Gli autori dell’attacco hanno potuto accedere a informazioni come indirizzi email e password, oltre a dati personali nel caso in cui un utente si fosse iscritto utilizzando un account di un social network già attivo.

Il post sul blog di Quora

We recently discovered that some user data was compromised as a result of unauthorized access to one of our systems by a malicious third party. We are working rapidly to investigate the situation further and take the appropriate steps to prevent such incidents in the future.

We also want to be as transparent as possible without compromising our security systems or the steps we’re taking, and in this post we’ll share what happened, what information was involved, what we’re doing, and what you can do.

We’re very sorry for any concern or inconvenience this may cause.

What happened

On Friday we discovered that some user data was compromised by a third party who gained unauthorized access to one of our systems. We’re still investigating the precise causes and in addition to the work being conducted by our internal security teams, we have retained a leading digital forensics and security firm to assist us. We have also notified law enforcement officials.

While the investigation is still ongoing, we have already taken steps to contain the incident, and our efforts to protect our users and prevent this type of incident from happening in the future are our top priority as a company.

What information was involved

For approximately 100 million Quora users, the following information may have been compromised:

Account information, e.g. name, email address, encrypted password (hashed using bcrypt with a salt that varies for each user), data imported from linked networks when authorized by users
Public content and actions, e.g. questions, answers, comments, upvotes
Non-public content and actions, e.g. answer requests, downvotes, direct messages (note that a low percentage of Quora users have sent or received such messages)

Questions and answers that were written anonymously are not affected by this breach as we do not store the identities of people who post anonymous content.

The overwhelming majority of the content accessed was already public on Quora, but the compromise of account and other private information is serious.

What we are doing

While our investigation continues, we’re taking additional steps to improve our security:

We’re in the process of notifying users whose data has been compromised.
Out of an abundance of caution, we are logging out all Quora users who may have been affected, and, if they use a password as their authentication method, we are invalidating their passwords.
We believe we’ve identified the root cause and taken steps to address the issue, although our investigation is ongoing and we’ll continue to make security improvements.

We will continue to work both internally and with our outside experts to gain a full understanding of what happened and take any further action as needed.

What you can do

We’ve included more detailed information about more specific questions you may have in our help center, which you can find here.

If you were affected, we will update you with relevant details via email.


Google NewsRicevi le nostre ultime notizie da Google News - SEGUICI


Massa Critica è una piattaforma di informazione, partecipazione e attivazione dei cittadini per favorire l'attivazione di quanti condividono aspirazioni nuove e innovative su sostenibilità , tecnologia , innovazione , startup , cibo , social innovation, salute.
.Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter , via Instagram e via Youtube.


Per sostenerci abbiamo bisogno del vostro contributo, per questo vi chiediamo di supportarci concretamente attraverso Paypal o Satispay. Grazie per il vostro contributo e per la vostra fiducia!


Donazione con Paypal o carta di credito



Donazione con Satispay


Digitale

Dominare la Fotografia dell’Aurora: Svelando i Misteri dell’Aurora Boreale in Islanda

L’Islanda, spesso soprannominata ‘Terra di Fuoco e Ghiaccio’, è un crogiolo di contrasti – dai geyser in eruzione e sorgenti termali a vasti ghiacciai e terreni freddi e aspri. Tuttavia, quando la notte stende il suo velo d’inchiostro, questa isola nordica svela un altro dei suoi spettacoli rinomati – le Auroras Boreales en Islandia, un modo più sofisticato per dire Aurora Boreale Islandese. Danzando in onde cangianti attraverso i cieli notturni islandesi, questa affascinante mostra di luci lancia un incantesimo ipnotico, toccando l’anima degli spettatori e diventando la musa di innumerevoli racconti, canzoni e opere d’arte. Fotografi, sia esperti che dilettanti, fanno pellegrinaggi in questa natura incontaminata, con le loro lenti lucidate, batterie cariche e cuori vibranti di anticipazione. Il loro obiettivo? Immortalare la danza eterea dell’Aurora Boreale, una prodezza tanto difficile quanto gratificante. Vedete, fotografare l’Aurora non riguarda solo il premere l’otturatore nel momento giusto. È una sinfonia di pianificazione, pazienza e una profonda comprensione della danza intricata tra luce, paesaggio e fotocamera. Per coloro che sono pronti a iniziare questo viaggio magico, desiderosi di catturare l’Aurora Boreale ma cauti di fronte agli ostacoli, questa guida aspira a essere la vostra stella polare. Illuminando il cammino, offre spunti, avvertenze e segreti di esperti che si sono avventurati nel cuore ghiacciato dell’Islanda, con le loro fotocamere puntate al cielo, emergendo con storie di successo luminoso.

1. Equipaggiati con l’Attrezzatura Giusta:

Iniziare la tua missione fotografica dell’aurora richiede di dotarti dell’attrezzatura insuperabile. Una DSLR o una fotocamera mirrorless dovrebbero essere la tua scelta, specificamente per la loro lodevole sensibilità alla luce. Completalo con un obiettivo grandangolare veloce, magari con un’apertura f/2.8 o anche più ampia. Tale obiettivo diventa la finestra, catturando ogni sfumatura di luce. Ma in mezzo a questa chiacchierata sull’attrezzatura, non bisogna dimenticare l’eroe non celebrato – un robusto treppiede. Oltre a fornire stabilità, questo treppiede combatte gli elementi imprevedibili dell’Islanda, garantendo che ogni inquadratura sia libera da vibrazioni e sfocature involontarie.

2. Esplora a Fondo le Impostazioni:

La danza dell’Aurora Boreale, nella sua eleganza spontanea, richiede una profonda conoscenza delle impostazioni della tua fotocamera. La modalità automatica, spesso un rifugio per il fotografo, qui non è tua alleata. Invece, avventurati nel regno delle impostazioni manuali per catturare l’essenza dell’Aurora. Inizia con l’ISO. Sebbene valori ISO più alti, diciamo tra 1600 e 3200, permettono a più luce di infiltrarsi nelle tue immagini, possono introdurre grana. La chiave è trovare un equilibrio che offra chiarezza senza compromettere la qualità. Poi viene l’apertura; un numero più basso (f/2.8 o addirittura f/1.4) permette un massimo afflusso di luce, che è fondamentale in scenari di scarsa illuminazione. La velocità dell’otturatore diventa il tuo prossimo focus. Una esposizione più lunga, tipicamente tra 15 e 30 secondi, è ideale per l’Aurora Boreale. Questa durata ti permette di catturare il movimento dell’Aurora, illustrando il suo flusso etereo attraverso il cielo. Tuttavia, fai attenzione alle scie stellari. Se l’otturatore rimane aperto troppo a lungo, le stelle passano da luci puntiformi a scie allungate, potenzialmente oscurando l’Aurora. Infine, scatta sempre in formato RAW. Questo preserva al massimo le informazioni dell’immagine, concedendoti più libertà durante la post-produzione. Immergendoti in queste impostazioni e comprendendo la loro interazione, ti doti della conoscenza per adattarti, sperimentare e, infine, trionfare nell’immortalare l’Aurora Boreale in tutto il suo splendore.

3. Elementi di Primo Piano – Più che Semplici Sfondi:

Un primo piano avvincente può essere l’eroe non celebrato della tua fotografia dell’aurora. Gli elementi islandesi, che siano le nette sagome delle formazioni di roccia basaltica, le superfici riflettenti delle sorgenti geotermiche o anche una pittoresca casetta locale, aggiungono una profondità affascinante alla tua composizione. Essi non solo supportano; migliorano, fornendo contesto e scala all’imponenza dell’Aurora sopra.

4. L’Arte della Composizione:

Creare una fotografia mozzafiato va oltre la semplice cattura di ciò che l’occhio vede; si tratta di raccontare una storia. Nel mondo della fotografia dell’aurora, dove lo spettacolo del cielo è sia radiante che fugace, comprendere la composizione diventa fondamentale. Utilizza tecniche come la regola dei terzi, dove l’immagine è suddivisa in nove segmenti. Posizionando l’aurora lungo queste linee o ai loro punti di intersezione può intensificare l’impatto dell’immagine. Inoltre, cerca i contrasti. Lascia che i tranquilli paesaggi islandesi o le acque immobili svolgano un ruolo equilibrante contro i vortici vivaci dell’Aurora. Ogni elemento, posizionato con cura, può elevare la tua immagine da una semplice fotografia a una tela della grandiosa rappresentazione della natura.

5. Il Tempismo – La Grande Performance della Natura:

Quando si tratta di catturare le Luci del Nord, il tempo non è solo essenziale; è il maestro che orchestra la performance celestiale. Il fenomeno, seppur imprevedibile, spesso predilige i mesi invernali tra settembre e marzo in Islanda. Questi mesi offrono le notti più lunghe, massimizzando le tue possibilità. Tuttavia, non si tratta solo della stagione in senso lato. Le fasi lunari giocano un ruolo fondamentale. Una notte di luna nuova, priva della sua luminanza, offre i cieli più scuri, rendendo i colori dell’Aurora più vivaci. Ma anche all’interno di questi parametri, la pazienza diventa la tua compagna più preziosa. L’Aurora non ha un orario. In alcune notti, potrebbe stuzzicarti con un breve balenio, mentre in altre potrebbe svelare tutto il suo splendore per ore. La copertura nuvolosa, l’attività solare e le condizioni meteorologiche locali sono fattori in gioco. Utilizzare app o siti web di previsione dell’Aurora può darti un vantaggio, informandoti su possibili manifestazioni. Inoltre, sii sempre pronto ad adattare i tuoi piani; le più grandiose performance della natura spesso arrivano senza preavviso.

6. Combattere il Freddo – La Prova di Resistenza del Fotografo:

Il freddo pungente dell’Islanda può essere una sfida, non solo per il fotografo ma anche per l’attrezzatura. Le batterie sono note per scaricarsi più velocemente in condizioni fredde. Avere sempre delle batterie di riserva vicino al tuo corpo, sfruttando il calore corporeo. Inoltre, i riscaldatori per lenti o semplici pacchetti caldi possono tenere lontana la fastidiosa brina che può rovinare uno scatto altrimenti perfetto.

7. Post-Produzione – Migliorare il Capolavoro della Natura:

L’atto di fotografare le Luci del Nord non si conclude con il clic della macchina fotografica. Spesso, le catture grezze, indipendentemente dalla loro brillantezza iniziale, nascondono potenziali strati di bellezza. Entra nel mondo della post-produzione. Qui, strumenti software come Adobe Lightroom o Photoshop diventano la tua tavolozza, permettendoti di migliorare i contrasti, amplificare colori specifici o accentuare dettagli minuti. Ma una parola di cautela: sebbene questi strumenti offrano vastissime possibilità, è facile esagerare. L’obiettivo dovrebbe essere raffinare, non ridefinire. Lascia che l’essenza dell’Aurora, in tutto il suo splendore grezzo, brilli, con le modifiche che ne accentuano solamente la magnificenza.

Il viaggio per catturare l’Aurora Boreale è simile a un rito di passaggio per ogni fotografo. È una sfida che combina competenza tecnica, imprevedibilità della natura e una profonda comprensione dei mozzafiato terreni islandesi. Questa danza ipnotica di colori, che varia dai verdi eterei ai profondi viola, ambientata nei paesaggi incontaminati dell’Islanda, è più che un piacere visivo; è un fenomeno che scuote l’anima, spingendoti a riflettere sulla vastità dell’universo e sul nostro minuscolo posto al suo interno. Per coloro che hanno assistito alle Luci del Nord, l’esperienza diventa un ricordo indelebile, una storia raccontata e riraccontata davanti a calde bevande e accoglienti fuochi. Tuttavia, per un fotografo, la sfida è di incapsulare questa esperienza nei confini di una cornice, rendendola una memoria tangibile per gli altri da vedere, sentire e con cui risuonare. Ma mentre percorri questo sentiero, ricorda che mentre gli strumenti e le tecniche sono cruciali, sono semplicemente strumenti che aiutano la tua visione. La tua vera bussola è la tua passione e la tua persistenza. E alla fine, quando hai tra le mani quella foto perfetta dell’Aurora, la ricompensa va oltre l’immagine. È una testimonianza di quelle fredde notti, ore di attesa, e lo spirito instancabile che ti ha spinto a continuare a guardare in alto, sperando di catturare la natura nel suo atto più capriccioso. Con questa guida in mano e determinazione nel cuore, possa ogni clic della tua fotocamera non solo cogliere la bellezza delle Luci del Nord ma anche l’essenza del viaggio stesso.


Google NewsRicevi le nostre ultime notizie da Google News - SEGUICI


Massa Critica è una piattaforma di informazione, partecipazione e attivazione dei cittadini per favorire l'attivazione di quanti condividono aspirazioni nuove e innovative su sostenibilità , tecnologia , innovazione , startup , cibo , social innovation, salute.
.Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter , via Instagram e via Youtube.


Per sostenerci abbiamo bisogno del vostro contributo, per questo vi chiediamo di supportarci concretamente attraverso Paypal o Satispay. Grazie per il vostro contributo e per la vostra fiducia!


Donazione con Paypal o carta di credito



Donazione con Satispay


Continue Reading

Digitale

Presto Threads sarà disponibile in Italia e in Europa

A poco più di un mese dal lancio internazionale Threads potrebbe essere disponibile anche in Italia e in Europa dopo che non è potuto essere stato lanciato per la non compatibilità com il Digital Markets Act europeo che vieta alle aziende di combinare i dati raccolti da diverse piattaforme, come fa Meta che utilizza le informazioni di Instagram con quelle del suo nuovo soc

Meta sta iniziando a inviare agli utenti Instagram una notifica per attivare un promemoria per essere avvisati appena Threads sarà disponibile in Italia.

Meta ha anche ha annunciato via Facebook che presto Threads avrà anche una versione web, a cui accedere da computer come accade già per gli altri social, oltre ad un aggiornamento che introdurrà una nuova funzione di ricerca.


Google NewsRicevi le nostre ultime notizie da Google News - SEGUICI


Massa Critica è una piattaforma di informazione, partecipazione e attivazione dei cittadini per favorire l'attivazione di quanti condividono aspirazioni nuove e innovative su sostenibilità , tecnologia , innovazione , startup , cibo , social innovation, salute.
.Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter , via Instagram e via Youtube.


Per sostenerci abbiamo bisogno del vostro contributo, per questo vi chiediamo di supportarci concretamente attraverso Paypal o Satispay. Grazie per il vostro contributo e per la vostra fiducia!


Donazione con Paypal o carta di credito



Donazione con Satispay


Continue Reading

Bambini

Un decalogo per la salute digitale di bambini e ragazzi

Un’ora al giorno prima dei 6 anni e poi al massimo due durante la scuola. Ma niente smartphone e tablet prima dei 18 mesi. E mai a tavola, durante i pasti, o prima di andare a dormire. L’utilizzo dei dispositivi digitali va gestito educando ad un consumo “critico e responsabile”. Sono alcuni dei consigli contenuti in un “decalogo per la salute digitale” di bambini e ragazzi elaborato dagli specialisti dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù nell’ambito del progetto “A scuola di… digitale”, realizzato in collaborazione con i professionisti di Almaviva, gruppo italiano leader nell’innovazione digitale. L’obiettivo: promuovere una migliore consapevolezza e comprensione delle possibilità offerte dagli strumenti digitali e contribuire a ridurre i rischi che possono derivare da un uso eccessivo e senza filtri.

Il progetto, promosso dall’Istituto per la Salute del Bambino e dell’Adolescente con Almaviva, prevede una serie di video educazionali disponibili online, che spiegano come gestire con equilibrio tablet e smartphone nelle diverse fasi della vita dei minori, quale supporto possono rappresentare per i ragazzi con disturbo dell’apprendimento, quali possibili conseguenze sulla vista da una esposizione prolungata agli schermi dei device, ma anche come funzionano i canali social seguiti dai giovanissimi, cosa sono il metaverso e l’intelligenza artificiale. Il “decalogo per la salute digitale di bambini e ragazzi” risponde in modo agile e sintetico a molti degli interrogativi più comuni che si pongono i genitori, suggerendo un approccio consapevole e costruttivo.

«La salute e il benessere dei bambini – afferma Alberto Villani, responsabile di Pediatria Generale e direttore dell’Istituto per la Salute del Bambino Gesù – sono concetti multidimensionali, che includono aspetti fisici, psicologici e sociali. In un’epoca in cui smartphone e tablet hanno assunto un ruolo sempre più centrale nella vita di genitori e figli, diventa fondamentale promuovere un consumo digitale consapevole e responsabile per preservare la salute e il benessere di bambini e dei ragazzi. È molto importante parlare di questi temi, a maggior ragione in estate, periodo in cui giovani e giovanissimi hanno tanto tempo libero, per fornire ai genitori strumenti necessari per sviluppare una consapevolezza e gestire nel modo migliore possibile la relazione dei più piccoli con i dispositivi digitali».

«Il digitale – sostiene Michele Svidercoschi, direttore Comunicazione e Relazioni Istituzionali di Almaviva – è strumento prezioso di inclusione e formazione, semplifica la vita delle persone e apre importanti opportunità, dal campo dell’istruzione a quello della telemedicina e della salute. La collaborazione con il Bambino Gesù si propone di ampliare gli strumenti di conoscenza a disposizione dei più giovani e delle loro famiglie, per contribuire alla crescita di una consapevole cultura digitale”.

IL DECALOGO PER LA SALUTE DIGITALE DI BAMBINI E RAGAZZI

1. Niente schermi sotto i 18 mesi: Per i bambini al di sotto dei diciotto mesi di vita, è importante evitare gli schermi e incoraggiare esperienze di apprendimento che coinvolgano i sensi, come il gioco fisico e l’esplorazione del mondo reale.
2. Un’ora al giorno di scoperta digitale: Tra i due e i sei anni, concediamo ai bambini un’ora al giorno (preferibilmente frazionata in 2 o più periodi di 20-30 minuti l’uno) per esplorare in modo creativo ed educativo le risorse digitali, come app e contenuti adatti alla loro età.
3. Limitare, ma non vietare: Durante l’età scolare, stabiliamo un limite massimo di due ore al giorno per l’uso dei dispositivi digitali, in modo da bilanciare il tempo trascorso online con altre attività, come lo sport, la lettura o lo studio.
4. Una buona notte di sonno: Scoraggiamo l’uso dei dispositivi digitali un’ora prima di andare a letto, per garantire un riposo sereno e di qualità per i bambini.
5. Lo smartphone non è un calmante: Insegniamo ai bambini strategie alternative per gestire le emozioni, come il gioco all’aperto, la lettura o il disegno, anziché ricorrere sempre ai dispositivi digitali.
6. Momenti preziosi in famiglia: Dedichiamo i pasti e i momenti trascorsi in famiglia a conversazioni e attività condivise, evitando l’uso di smartphone e tablet.
7. La gestione del tempo digitale: Utilizziamo le funzioni di gestione del tempo fornite dai produttori di smartphone per aiutare i ragazzi a comprendere e regolare il tempo trascorso sui dispositivi, promuovendo una consapevolezza dell’uso.
8. Educare alla sicurezza online: I genitori sono i principali modelli per i loro figli: facciamo attenzione ai dati e ai contenuti che condividiamo online, mostrando responsabilità e rispetto per la privacy.
9. Protetti online: Insegniamo l’importanza di utilizzare password sicure e di proteggere la loro privacy, ad esempio impostando i profili social in modalità privata e valutando attentamente chi li segue online.
10. Una comunicazione aperta e consapevole: Manteniamo un dialogo costruttivo con i nostri figli, a partire da uno sforzo di conoscenza del mondo digitale. Educhiamo a un uso critico e responsabile dei dispositivi.


Google NewsRicevi le nostre ultime notizie da Google News - SEGUICI


Massa Critica è una piattaforma di informazione, partecipazione e attivazione dei cittadini per favorire l'attivazione di quanti condividono aspirazioni nuove e innovative su sostenibilità , tecnologia , innovazione , startup , cibo , social innovation, salute.
.Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter , via Instagram e via Youtube.


Per sostenerci abbiamo bisogno del vostro contributo, per questo vi chiediamo di supportarci concretamente attraverso Paypal o Satispay. Grazie per il vostro contributo e per la vostra fiducia!


Donazione con Paypal o carta di credito



Donazione con Satispay


Continue Reading

Suggerimenti per te

Iscriviti alla nostra Newsletter

Suggerimenti

Ultimi Articoli

Suggerimenti per te

Covering Climate Now

Suggerimenti per Te

Startup on Air

Startup Onair

Suggerimenti

CO2WEB