Seguici su

Futuri possibili

Professione Scenario Designer

La storia è piena di esempi come quelli che seguono: il patron di IBM, all’epoca società di meccanizzazione, che senza mezzi termini vaticinava che di computer nel mondo ce ne sarebbero voluti al massimo due o tre; più avanti, che nelle case non sarebbe mai entrato un personal computer; un dipendente della stessa che per pura fortuna riuscì a spuntare che nel futuro ci sarebbe stato spazio per i dischi al posto delle schede perforate.

Per attivare più vicino a noi ricorderemo le risposte di RIM e soprattutto di Nokia alla presentazione dell’iPhone, secondo i quali Apple avrebbe dovuto occuparsi di computer invece di invadere un settore che non le compete, sul quale era impreparata e del quale non conosceva la clientela.

Effettivamente la qualità principale di Steve Jobs non era la genialità, ma la vista: riuscire a guardare il domani, non come proiezione dell’oggi, ma come un mondo possibile fra gli infiniti altri e di immaginare quello che, non essendoci nell’oggi, la gente comune avrebbe apprezzato concretamente di avere fra le mani. Steve Jobs non era certo un futurologo come Alvin Toiffler, ma di gente come lui ne servirebbe molta, mentre di fatto ce n’è pochissima. Quindi le aziende che non possono pensare di procurarsi un altro iCeo sembra stiano correndo nella direzione di surrogarlo con una figura di tipo simile ma di portata notevolmente più limitata. Si è parlato in proposito di un mestiere che potrebbe essere definito, appunto, del futurologo che sarebbe oggetto di assunzione nelle società più avanzate. La domanda è come faccia un rinoceronte a riconoscere e apprezzare un ghepardo. Se corri troppo non ti vedrò mai.

Ci sono molte novità già vecchie attorno a noi e che delle cariatidi di direzione sappiano guardare oltre alle parole di moda del periodo suggerite da consulenti che hanno da vendere avanzi in scadenza sappiano immaginare quello che non c’è quando stanno facendo fatica a riconoscere le novità scadute da dieci anni è quasi impossibile.

Esiste un’azienda di consulenza ingegneristica londinese con sedi in quattro continenti, la Arup, che si occupa di fornire ad aziende come Volkswagen, Hershey’s, Capital One figure che già vengono soprannominate “futurologi” nonostante a loro non venga chiesto di portarsi la sfera di cristallo per predire quello che sarà, quanto di “pensare ai possibili sviluppi e diffondere all’interno dell’azienda la consapevolezza e la capacità di adattarsi”. Una professione di counselor di sviluppo, di generatore di apprendimento organizzativo, il figlio di Peter Senge e molti altri ristrutturatori cognitivi delle organizzazioni.

Si tratta di mettere in atto il vecchio principio di aumentare il numero delle variabili in atto, o meglio di immaginare numerosi scenari possibili del futuro, partendo – sì – dalle conoscenze attuali, senza però tirarsi indietro quando si tratti di guardare a quello che ancora non c’è a patto che possa potenzialmente esistere in tempi medio-brevi, o della direzione che occorre intraprendere per essere sul binario giusto per quanto si potrebbe verificare in quelli medio-lunghi.

I professionisti del Design di Scenario sono degli impaginatori della concretezza pronti a guidare il brainstorming di ingegneri ed economisti spesso stupidamente convinti di essere disincantati solo per camuffare una profonda miopia.

Così, David Johnson, per sette anni futurologo per la compagnia informatica Intel, spiega che il suo mestiere riguarda l’uomo, ma anche la fantascienza: «mescolare la finzione con i fatti scientifici consente di “esaminare i luoghi più oscuri, distopici” della realtà e di “tirar fuori idee incredibili”».

In altri termini, non è l’invenzione ma l’uomo a tornare al centro dell’attenzione, perché l’innovazione migliore è sempre quella che assomiglia al nostro modo di pensare ed agire, semplificandoci la vita invece di farci impazzire: una lavatrice meglio di un computer, una buona lega della bicicletta meglio di un computer da manubrio. Questo almeno fino a quando saremo ancora noi a comprare i prodotti e le macchine, e non il contrario a cui spesso sembra ci stiamo arrendendo.

fonte: AGI


Google NewsRicevi le nostre ultime notizie da Google News - SEGUICI


Massa Critica è una piattaforma di informazione, partecipazione e attivazione dei cittadini per favorire l'attivazione di quanti condividono aspirazioni nuove e innovative su sostenibilità , tecnologia , innovazione , startup , cibo , social innovation, salute.
.Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter , via Instagram e via Youtube.


Per sostenerci abbiamo bisogno del vostro contributo, per questo vi chiediamo di supportarci concretamente attraverso Paypal o Satispay. Grazie per il vostro contributo e per la vostra fiducia!


Donazione con Paypal o carta di credito



Donazione con Satispay


Eventi

Il 21 maggio Café interculturale – Dialoghi per lo sviluppo sostenibile

Martedì 21 maggio 2024, alle ore 9 presso la Sala Auditorium del Complesso Aldo Moro (via Sant’Ottavio, 18 – Torino), in occasione della Giornata mondiale UNESCO della Diversità Culturale per il Dialogo e lo Sviluppo, si svolge la prima edizione del “Café interculturale. Dialoghi per lo sviluppo sostenibile”. (altro…)


Google NewsRicevi le nostre ultime notizie da Google News - SEGUICI


Massa Critica è una piattaforma di informazione, partecipazione e attivazione dei cittadini per favorire l'attivazione di quanti condividono aspirazioni nuove e innovative su sostenibilità , tecnologia , innovazione , startup , cibo , social innovation, salute.
.Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter , via Instagram e via Youtube.


Per sostenerci abbiamo bisogno del vostro contributo, per questo vi chiediamo di supportarci concretamente attraverso Paypal o Satispay. Grazie per il vostro contributo e per la vostra fiducia!


Donazione con Paypal o carta di credito



Donazione con Satispay


Continue Reading

Futuri possibili

La NASA ha prodotto ossigeno estraendolo dall’atmosfera di Marte

Una grande notizia arriva dalla NASA. L’agenzia spaziale americana ha infatti annunciato di essere riuscita ad estrarre ossigeno dall’atmosfera di Marte. L’operazione è stata resa possibile da MOXIE, uno strumento che ha generato un totale di 122 grammi di ossigeno da quando la missione Rover è sbarcata sul pianeta rosso nel 2021.

MOXIE ha completato con successo tutti i test e nella sua performance migliore è riuscito a produrre 12 grammi di ossigeno all’ora, il doppio degli obiettivi originali della NASA per lo strumento, con una purezza del 98% o migliore.

Come funziona MOXIE

MOXIE produce ossigeno molecolare attraverso un processo elettrochimico che separa un atomo di ossigeno da ciascuna molecola di anidride carbonica. I gas vengono ovviamente estratti dall’atmosfera di Marte e passando attraverso il sistema vengono analizzati per verificare la purezza e la quantità di ossigeno prodotto.

A cosa serve produrre ossigeno su Marte

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, la produzione di ossigeno su Marte non sarebbe utile in prima battuta per permettere agli astronauti di respirare ma servirebbe soprattutto come fonte di propellente per razzi, necessario in grandi quantità per permettere il ritorno a casa degli astronauti.

Foto Credit: NASA/JPL-Caltech


Google NewsRicevi le nostre ultime notizie da Google News - SEGUICI


Massa Critica è una piattaforma di informazione, partecipazione e attivazione dei cittadini per favorire l'attivazione di quanti condividono aspirazioni nuove e innovative su sostenibilità , tecnologia , innovazione , startup , cibo , social innovation, salute.
.Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter , via Instagram e via Youtube.


Per sostenerci abbiamo bisogno del vostro contributo, per questo vi chiediamo di supportarci concretamente attraverso Paypal o Satispay. Grazie per il vostro contributo e per la vostra fiducia!


Donazione con Paypal o carta di credito



Donazione con Satispay


Continue Reading

Futuri possibili

OpenAlex la nuova Biblioteca di Alessandria per chi lavora nella scienza e tecnologia

Anche la Sorbona ha scelto di adottare OpenAlex .  La Sorbona ha deciso di indirizzare i propri sforzi nella collaborazione con iniziative alternative agli strumenti proprietari, aperte e partecipate. Per questo ha deciso di  interrompere la sottoscrizione al database Web of Science e agli strumenti bibliometrici Clarivate. (altro…)


Google NewsRicevi le nostre ultime notizie da Google News - SEGUICI


Massa Critica è una piattaforma di informazione, partecipazione e attivazione dei cittadini per favorire l'attivazione di quanti condividono aspirazioni nuove e innovative su sostenibilità , tecnologia , innovazione , startup , cibo , social innovation, salute.
.Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter , via Instagram e via Youtube.


Per sostenerci abbiamo bisogno del vostro contributo, per questo vi chiediamo di supportarci concretamente attraverso Paypal o Satispay. Grazie per il vostro contributo e per la vostra fiducia!


Donazione con Paypal o carta di credito



Donazione con Satispay


Continue Reading

Suggerimenti per te

Seguici via Whatsapp

Iscriviti alla nostra Newsletter

Suggerimenti

Ultimi Articoli

Suggerimenti per te

Covering Climate Now

Suggerimenti per Te

Startup on Air

Startup Onair

Suggerimenti

CO2WEB