Gli ultimi otto anni sono stati i più caldi mai registrati a livello globale

Gli ultimi otto anni sono stati i più caldi mai registrati a livello globale, alimentati da concentrazioni di gas serra in costante aumento e calore accumulato, secondo sei importanti set di dati di temperatura internazionali consolidati dall’Organizzazione meteorologica mondiale.

La temperatura media globale nel 2022 era di circa 1,15 [da 1,02 a 1,27] °C al di sopra dei livelli preindustriali (1850-1900). Il 2022 è l’ottavo anno consecutivo (2015-2022) in cui le temperature globali annuali hanno raggiunto almeno 1°C sopra i livelli preindustriali, secondo tutti i set di dati compilati dall’OMM. Dal 2015 al 2022 sono gli otto anni più caldi mai registrati. La probabilità di superare, temporaneamente, il limite di 1,5°C dell’Accordo di Parigi aumenta con il tempo.

 

La temperatura media decennale per il periodo 2013-2022 è di 1,14 [da 1,02 a 1,27] °C al di sopra della linea di base preindustriale 1850-1900. Ciò si confronta con 1,09°C dal 2011 al 2020, come stimato dal Sesto rapporto di valutazione dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), e indica che il riscaldamento a lungo termine continua.

Disastri meteorologici drammatici

“Nel 2022, abbiamo affrontato diversi drammatici disastri meteorologici che hanno causato troppe vittime e mezzi di sussistenza e hanno minato la sicurezza e le infrastrutture sanitarie, alimentari, energetiche e idriche. Grandi aree del Pakistan sono state inondate, con gravi perdite economiche e vittime umane. Ondate di caldo da record sono state osservate in Cina, Europa, Nord e Sud America. La siccità di lunga durata nel Corno d’Africa minaccia una catastrofe umanitaria”, ha affermato il segretario generale dell’OMM, Prof. Petteri Taalas.

Si prevede che il riscaldamento globale e altre tendenze del cambiamento climatico a lungo termine continueranno

a causa dei livelli record di gas serra che intrappolano il calore nell’atmosfera. Ondate di caldo estremo, siccità e inondazioni devastanti hanno colpito milioni di persone e sono costate miliardi quest’anno, secondo il rapporto provvisorio sullo stato del clima globale nel 2022 dell’Organizzazione meteorologica mondiale. Alla fine di dicembre, forti tempeste hanno colpito vaste aree del Nord America. Venti forti, forti nevicate e basse temperature hanno portato a perturbazioni diffuse a est. Forti piogge, neve in montagna e aree colpite da inondazioni a ovest.

“È necessario migliorare la preparazione a tali eventi estremi e garantire il raggiungimento dell’obiettivo delle Nazioni Unite di allerta precoce per tutti nei prossimi cinque anni”, ha affermato il prof. Taalas. “Oggi solo la metà dei 193 membri dispone di adeguati servizi di allerta precoce, il che porta a perdite economiche e umane molto più elevate. Ci sono anche grandi lacune nelle osservazioni meteorologiche di base in Africa e negli stati insulari, il che ha un forte impatto negativo sulla qualità delle previsioni meteorologiche».

Temperatura media globale

Capire le cifre

WMO utilizza sei set di dati internazionali per fornire una valutazione autorevole della temperatura. Gli stessi dati vengono utilizzati nei suoi rapporti annuali sullo stato del clima che informano la comunità internazionale sugli indicatori climatici globali.

Le graduatorie dei singoli anni dovrebbero essere considerate nel contesto di lungo periodo, tanto più che le differenze tra i singoli anni sono talvolta marginali. Dagli anni ’80, ogni decennio è stato più caldo del precedente. Questo dovrebbe continuare.

Gli otto anni più caldi sono stati tutti dal 2015, con il 2016, il 2019 e il 2020 che costituiscono i primi tre. Nel 2016 si è verificato un evento El Niño eccezionalmente forte, che ha contribuito a registrare le temperature globali.

L’OMM utilizza set di dati (basati su dati climatologici provenienti da siti di osservazione, navi e boe nelle reti marine globali) sviluppati e mantenuti dalla National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) degli Stati Uniti, dal Goddard Institute for Space Studies (NASA GISS) della NASA, dal Regno Unito Met Office Hadley Center e l’Unità di ricerca climatica dell’Università dell’East Anglia (HadCRUT) e il gruppo Berkeley Earth.

L’OMM utilizza anche set di dati di rianalisi del Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine e del suo servizio sui cambiamenti climatici Copernicus e dell’Agenzia meteorologica giapponese (JMA). La rianalisi combina milioni di osservazioni meteorologiche e marine, anche da satelliti, utilizzando un modello meteorologico per produrre una rianalisi completa dell’atmosfera. La combinazione di osservazioni con valori modellati consente di stimare le temperature in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo in tutto il mondo, anche in aree con pochi dati come le regioni polari.

Il 2022 è stato nominalmente classificato come il quinto anno più caldo nel set di dati di Berkeley Earth e nella rianalisi ERA5 e JRA-55. È stato classificato come il sesto anno più caldo nell’HadCRUT


Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter , via Instagram e via Youtube.


Massa Critica è una piattaforma di informazione, partecipazione e attivazione dei cittadini diversa dalle altre, che non vuole solo fornire contenuti importanti su sostenibilità , tecnologia , innovazione , startup , cibo , social innovation. Massa Critica vuole favorire l'attivazione ei quanti condividono aspirazioni nuove e innovative.

Per sostenerci abbiamo bisogno del vostro contributo, per questo vi chiediamo di supportarci in questo momento straordinario. Grazie per il vostro contributo e per la vostra fiducia!


Donazione con Paypal o carta di credito



Donazione con Satispay