Dal 3 luglio, entra in vigore la Direttiva europea SUP contro l’uso della plastica monouso

Dal 3 luglio, entra in vigore la Direttiva europea SUP ovvero Single Use Plastic, approvata nel 2019 e recepita dall’Italia con una legge nell’aprile scorso 2021.

La direttiva SUP mette al bando gli oggetti di plastica monouso: piatti e posate, cannucce, cotton fioc, palette da cocktail, bastoncini dei palloncini, contenitori per alimenti e bevande in polistirolo. I negozi potranno ancora venderli fino ad esaurimento scorte, poi saranno proibiti. La legge italiana che ha recepito la direttiva esclude dal bando piatti e posate monouso in bioplastiche compostabili, e il governo chiede alla Ue di inserire la stessa distinzione nelle linee guida per l’applicazione della Direttiva. L’Italia chiede anche che il divieto non riguardi la carta plastificata, ricoperta da un velo di plastica, che rappresenta meno del 10% del peso. Bruxelles ha accettato i rilievi italiani, e si è impegnata a modificare le linee guida nel senso richiesto.

I prodotti di plastica monouso (SUP) vengono utilizzati una volta, o per un breve periodo di tempo, prima di essere gettati via. L’impatto ambientale di questo tipo di rifiuti e i loro effetti sulla salute sono globali e possono portare a conseguenze drastiche. I prodotti di plastica monouso hanno una maggiore probabilità di finire nei nostri mari rispetto alle alternative riutilizzabili. I 10 articoli di plastica monouso più comunemente rinvenuti sulle spiagge europee, insieme agli attrezzi da pesca, rappresentano il 70 % di tutti i rifiuti marini nell’UE.

L’UE intende essere in prima linea nella lotta globale contro i rifiuti marini e l’inquinamento da plastica. Le norme dell’UE mirano a ridurre il volume e l’impatto di determinati prodotti di plastica sull’ambiente.

La direttiva UE sulla plastica monouso prevede misure diverse da applicare a prodotti diversi. Queste misure sono proporzionate e concepite per ottenere i migliori risultati, tenendo conto anche della disponibilità di alternative più sostenibili.

I 10 articoli disciplinati dalla direttiva sono i seguenti:

  • Bastoncini cotonati
  • Posate, piatti, cannucce e agitatori
  • Palloncini e aste per palloncini
  • Contenitori per alimenti
  • Tazze per bevande
  • Contenitori per bevande
  • Mozziconi di sigaretta
  • Sacchetti di plastica
  • Pacchetti e involucri
  • Salviette umidificate e articoli sanitari

Laddove le alternative sostenibili siano facilmente disponibili e convenienti, i prodotti di plastica monouso non possono essere immessi sui mercati degli Stati membri dell’UE. Questo si applica a bastoncini cotonati, posate, piatti, cannucce, agitatori e aste per palloncini, nonché a tazze, contenitori per alimenti e bevande in polistirene espanso e a tutti i prodotti realizzati con plastica oxo-degradabile.

Per altri prodotti di plastica monouso, l’UE si sta concentrando sulla limitazione del loro uso attraverso

la riduzione dei consumi attraverso misure di sensibilizzazione
l’introduzione dei requisiti di progettazione, come quelli per collegare i tappi alle bottiglie
l’introduzione di requisiti di etichettatura per informare i consumatori sul contenuto di plastica dei prodotti, sulle opzioni di smaltimento che devono essere evitate e sui danni arrecati alla natura se i prodotti vengono dispersi nell’ambiente
l’introduzione di obblighi per la gestione e la rimozione dei rifiuti per i produttori, compresi i regimi di responsabilità estesa del produttore (EPR)
Gli obiettivi specifici includono

un obiettivo di raccolta differenziata del 77 % per le bottiglie di plastica entro il 2025 con un aumento al 90 % entro il 2029
l’incorporazione del 25 % di plastica riciclata nelle bottiglie per bevande in PET dal 2025 e del 30 % in tutte le bottiglie per bevande in plastica dal 2030

Le norme dell’UE sui prodotti di plastica monouso intendono prevenire e ridurre l’impatto di determinati prodotti di plastica sull’ambiente, in particolare su quello marino, e sulla salute umana.

Mirano inoltre a promuovere la transizione verso un’economia circolare con modelli imprenditoriali, prodotti e materiali innovativi e sostenibili, contribuendo così anche al funzionamento efficiente del mercato interno.


Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter , via Instagram e via Youtube.


Massa Critica è una piattaforma di informazione, partecipazione e attivazione dei cittadini diversa dalle altre, che non vuole solo fornire contenuti importanti su sostenibilità , tecnologia , innovazione , startup , cibo , social innovation. Massa Critica vuole favorire l'attivazione ei quanti condividono aspirazioni nuove e innovative.

Per sostenerci abbiamo bisogno del vostro contributo, per questo vi chiediamo di supportarci in questo momento straordinario. Grazie per il vostro contributo e per la vostra fiducia!


Donazione con Paypal o carta di credito



Donazione con Satispay