Il comitato di esperti nominato da Conte e diretto da Vittorio Colao che dovra rivoluzionare l’Italia per affrontare la fase 2 de coronavirus

Il comitato di esperti che affiancherà il comitato tecnico scientifico nella fase 2 dell’epidemia del Coronavirus sarà presieduto da Vittorio Colao uno dei manager italiani tra i più stimati anche all’estero e sarà formato da esperti che secondo le parole di Conte dovranno “modificare le logiche dell’organizzazione del lavoro sin qui consolidate, di ripensare alcuni radicati modelli organizzativi di vita economica e sociale”.

Vittorio Colao, 58 anni, bresciano, dopo la laurea alla Bocconi di Milano, ha ottenuto un Master in Business Administration ad Harvard. La carriera lavorativa inizia a Londra cin Morgan Stanley. Poi il passaggio alla McKinsey e poi arrivare nel 1996 a Omnitel come direttore generale della compagnia telefonica ceh poi verrà acquisita da Vodafone di cui diventa Ceo regionale per Europa meridionale, Medio Oriente e Africa. Nel 2004 Colao viene chiamato da Rcs, per poi tornare dopo due anni in Vodafone come AD.

Elisabetta Camussi è professoressa di Psicologia sociale all’Università degli Studi di Milano Bicocca che si occupadi  percezione delle differenze di genere nella società e le disuguaglianze.

Roberto Cingolani, è il responsabile per l’innovazione tecnologica per il gruppo Leonardo. E’ stato il primo direttore scientifico dell’Istituto italiano di tecnologia (Iit) di Genova, che ha guidato dal 2005 al 2019.

Riccardo Cristadoro è il senior director del Dipartimento di economia e statistica della Banca d’Italia e consigliere economico del presidente del Consiglio.

Giuseppe Falco è amministratore delegato per il Sistema Italia-Grecia-Turchia senior e partner e managing director del Boston Consulting Group.

Franco Focareta,è docente di Diritto del lavoro all’Università di Bologna,  esperto di diritto sindacale e diritto della previdenza.

Enrico Giovannini, professore di Statistica economica all’Università di Roma Tor Vergata,  presidente dell’Istat dall’agosto 2009 all’aprile 2013. E’ stato ministro del lavoro e delle politiche sociali del governo Letta.

Giovanni Gorno Tempini, 58 anni, presidente di Cassa Depositi e Prestiti, di cui è stato in passato anche amministratore delegato. Fa parte del consiglio di amministrazione di Intesa SanPaolo, Avio, Willis Tower Watson e della Fondazione Airc per la Ricerca sul cancro.

Giampiero Griffo è il coordinatore del Comitato tecnico-scientifico dell’Osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità.

Filomena Maggino è professoressa di Statistica sociale all’Università di Roma La Sapienza. Il suo principale interesse sono il benessere equo e la qualità della vita.

Mariana Mazzucato,  è un’economista italo – statunitense, direttrice e fondatrice dell’Institute for Innovation and Public Purpose presso l’University College London,  fa parte del Consiglio per il Futuro della crescita e della competitività del World Economic Forum di Davos.

Enrico Moretti, professore di Economia all’università di Berkeley, in California e si occupa di politiche pubbliche e del mercato del lavoro.

Riccardo Ranalli, dottore commercialista e revisore contabile con studio a Torino e a Milano, è un esperto di crisi di impresa;  è stato docente del Corso della Scuola Superiore della Magistratura presso la Corte di Cassazione.

Marino Regini, professore emerito di Sociologia economica all’Università Statale di Milano, dove insegna corsi di sociologia economica e di political economy.

Raffaella Sadun è docente di Business Administration alla Business School di Harvard dove si occupa prevalentemente di produttività, management e cambiamento organizzativo.

Stefano Simontacchi,  avvocato, è presidente di un importante studio legale in cui si occupa di fiscalità internazionale, prezzi di trasferimento e corporate governance.

Fabrizio Starace è il direttore del Dipartimento di salute mentale e dipendenze Patologiche dell’Ausl di Modena e presidente della Società italiana di epidemiologia psichiatrica.


Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter , via Instagram e via Youtube.


Massa Critica è una piattaforma di informazione, partecipazione e attivazione dei cittadini diversa dalle altre, che non vuole solo fornire contenuti importanti su sostenibilità , tecnologia , innovazione , startup , cibo , social innovation. Massa Critica vuole favorire l'attivazione ei quanti condividono aspirazioni nuove e innovative.

Per sostenerci abbiamo bisogno del vostro contributo, per questo vi chiediamo di supportarci in questo momento straordinario. Grazie per il vostro contributo e per la vostra fiducia!


Donazione con Paypal o carta di credito



Donazione con Satispay