fbpx

Sabato 7 marzo a Torino l’Assemblea popolare #meno50 per dimezzare le emissioni nell’area metropolitana

Sabato 7 marzo, dalle 9.30 alle 18, un gruppo di associazioni per la tutela della salute e dell’ambiente organizza l’Assemblea popolare “Torino #meno50”, un momento strutturato di approfondimento e di dibattito con il coinvolgimento di 12 docenti universitari, ricercatori e ricercatrici, aperta a cittadini e istituzioni, il cui obiettivo è di elaborare proposte concrete per raggiungere il dimezzamento delle emissioni inquinanti in atmosfera entro il più breve tempo possibile.

Torino si è confermata nel 2019 come la città con l’aria più inquinata d’Italia, un primato che purtroppo ha avuto per ben sette volte negli ultimi dieci anni per un totale di oltre mille giorni di aria insalubre. Mentre il problema diviene evidente nel periodo invernale, perché le condizioni climatiche favoriscono l’accumulo degli inquinanti e il superamento dei limiti per il particolato fine, durante l’estate è l’ozono a superare i valori raccomandati per la tutela della salute.

Nonostante l’evidenza scientifica della gravità degli effetti dell’inquinamento atmosferico sia sempre più palese, e su ciò vi siano ripetute “denunce” di scienziati e medici, le amministrazioni preposte continuano a non prendere le decisioni necessarie a risolvere il problema. Non solo, nella nostra Regione la nuova Giunta ha avviato una serie di iniziative politiche volte a smantellare anche le deboli e insufficienti risposte che sono state messe in campo finora.

La Città di Torino ha approvato la dichiarazione di emergenza climatica nel luglio del 2019, ma a ciò non ha fatto seguire alcun piano di intervento o atto concreto.
La Regione Piemonte ha approvato un Piano Regionale della Qualità dell’aria che permetterà, se applicato completamente, di ridurre le emissioni di gas climalteranti per un modesto 15% al 2030. Recentemente la Regione, inoltre, ha approvato una dichiarazione di emergenza climatica il cui contenuto è nello spirito e nella lettera contrario a quanto richiesto durante gli scioperi per il clima tenuti nel corso del 2019.

L’esperienza delle Assemblee civiche può dare un contributo fondamentale e imprescindibile per far emergere soluzioni fondate sulla adesione e approvazione di parti importanti e rappresentative della cittadinanza.
L’evento è per ora organizzato dalle associazioni Bike Pride Fiab Torino, Casa Comune, Comitato Torino Respira, Ecoborgo Campidoglio, Extinction Rebellion, Fridays For Future, GreenTO, Greentoso, ISDE Medici per l’Ambiente, Legambiente, Ordine dei Medici e Odontoiatri Torino, UNICEF Torino, ma l’invito a farsi promotori del dibattito è rivolto a tutte le realtà del territorio interessate e impegnate per la tutela della salute dei cittadini e dell’ambiente.

Dopo un momento in plenaria con gli interventi degli esperti, l’assemblea, aperta ad un massimo di 150 persone, previa iscrizione, si dividerà in gruppi di discussione con facilitatori professionisti utilizzando il metodo del “world café”.
L’Assemblea popolare Antismog sarà un momento strutturato e guidato nell’approfondimento e nel dibattito sui temi legati alle fonti di emissione, al cambiamento climatico, agli effetti sulla salute, ai trasporti, alla mobilità ciclabile e pedonale, al ciclo dei rifiuti, ma anche al cambiamento culturale, alla comunicazione e alla governance.

La giornata di sabato 7 marzo inizierà alle 9.30 con interventi tecnici di esperti, docenti e ricercatori degli atenei torinesi, in plenaria, e, nel pomeriggio, un momento di discussione attraverso tavoli di lavoro facilitati che avranno il compito di formulare delle proposte.
I gruppi di discussione saranno accompagnati da facilitatori professionisti utilizzando il metodo del “world café”, per ricreare l’ambientazione accogliente di un caffè, per permettere creatività e libertà di condivisione di idee e proposte.
Infine, le risultanze saranno presentate in sessione plenaria per essere approvate dall’Assemblea. Il lavoro dei Tavoli sarà assistito da consulenti legali, economisti e ingegneri esperti nelle tematiche di interesse.
La partecipazione all’Assemblea sarà aperta, per motivi di capienza, a un massimo di 150 iscritti, previa registrazione.
Ai partecipanti sarà richiesto di condividere l’obiettivo “Torino #meno50” e di leggere i contributi che saranno predisposti in anticipo dai relatori.
Sarà inoltre richiesto a tutti i partecipanti di rispettare il regolamento dell’Assemblea Popolare che sarà finalizzato al raggiungimento del suo obiettivo costitutivo: tra questi l’uso di un linguaggio appropriato, rispetto e cortesia verso gli altri partecipanti, la ricerca del consenso e l’ascolto attivo.
Per partecipare:
La registrazione online è obbligatoria su: http://assembleapopolare.it/
Le iscrizioni verranno accettate in ordine cronologico fino a esaurimento dei posti disponibili.
All’atto della registrazione è richiesto il versamento di un contributo di 3 euro.
Sarà possibile prenotare un buffet vegetariano presso Off Topic al prezzo di 8 euro


Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter e via Youtube.