Un accordo fra Università di Torino e Wikimedia Italia per progetti per i progetti per ricerca e didattica

Il Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere e Culture Moderne, insieme alla Direzione Ricerca e Terza missione dell’Università di Torino hanno siglato un accordo di collaborazione annuale con Wikimedia Italia, l’associazione che promuove in Italia la conoscenza libera e lo sviluppo dei progetti in lingua italiana della Wikimedia Foundation, primo fra tutti Wikipedia, l’enciclopedia libera e collaborativa.

L’accordo prevede la realizzazione di progetti per la ricerca e la didattica attraverso la valorizzazione di testi nel pubblico dominio. Saranno così resi accessibili per tutti su Wikisource, la biblioteca digitale libera connessa a Wikipedia, circa 50 libri fuori diritti e una raccolta di articoli di riviste provenienti dal patrimonio delle biblioteche UniTo e di altri istituti di cultura piemontesi che collaboreranno al progetto. I documenti saranno oggetto di attività che coinvolgeranno, oltre a bibliotecari e docenti, 10 studenti afferenti all’Università di Torino, tra quelli del percorso triennale e magistrale, borsisti, 150 ore e dottorandi. Grazie al lavoro condotto sulle piattaforme Wikimedia, in collaborazione con la comunità di volontari attivi nell’associazione, i materiali documentari saranno resi disponibili on line per favorirne il riuso digitale.

Libri e articoli saranno rielaborati in formati più accessibili per il lettore e consultabili su dispositivi come ebook, tablet e smartphone. Le informazioni estratte dal team di ricerca a partire dai documenti, relative a più di 30 autori di rilievo per la storia culturale del Piemonte, entreranno a far parte di voci Wikipedia nuove o esistenti, e saranno registrate come open data su Wikidata, la banca dati aperta e collaborativa connessa all’enciclopedia libera.


Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter e via Youtube.