Quando il trolley diventa smart con caricabatterie, gps, espansioni gonfiabili, motore elettrico, fino al monopattino

C’era una volta la valigia o il borsone da viaggio poi arrivò il trolley a rivoluzionare il modo di viaggiare. L’idea del concetto di trolley è del 1987 da parte di Bob Plath, ai tempi pilota della Northwest Airlines . Un’ intuizione semplice ma rivoluzionaria:  applicare le ruote ad una valigia. Secondo Usa Today le compagnie aeree furono costrette a cambiare la struttura dei propri aerei di linea per adattarli alla rivoluzione dei trolley spendendo milioni di dollari.

Ora che il trolley è il sinonimo di chi viaggia, sta diventando l’hub di viaggia per piacere o per lavoro, arricchendosi di funzionalità smart: caricabatterie per tablet e smartphone, gps e sistemi di sicurezza per l’apertura, motori elettrici. Il pensare il trolley smart del futuro è diventato il terreno fertile per inventori e startupper.

Rolopower e Space Case 1 mescolano in un unico trolley l’utilizzo del riconoscimento fingerprint per l’apertura sicura, di un Global Tracker GPS per trovare ovunque il bagaglio, di un vivavoce bluetooth, con tanto di app per smartphone per gestire il tutto.

Fuguluggage  punta a risolvere il problema dell’espandibiità del bagaglio grazie a un sistema  che permette di moltiplicare per 4 il volume disponibile al trasporto.

Modobag diventa prima una seggiola per riposarsi e poi addirittura permetter di muoversi con un motore elettrico come fosse un mini scooter.

Forse il più divertente di tutti è Uyuni che aggiunge trasforma il trolley in un monopattino per muoversi più velocemente


Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter e via Youtube.