Come salvare la qualità dell’aria nelle città italiane in 10 punti uscendo dall’emergenza continua

In questi giorni l’emergenza smog sul nord italia ha riportato a bomba l’opinione pubblica ai temi dell’inquinamento, ma da tempo sappiamo che ogni anno milioni di persone muoiono a causa dell’inquinamento atmosferico e 9 persone su 10 vivono in luoghi con livelli di inquinamento più alti di quelli raccomandati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Numeri che descrivono questo fenomeno come una vera e propria pandemia.

L’inquinamento atmosferico in Europa causa ogni anno la morte di oltre 500.000 persone e ha costi stimati da 330 a 940 miliardi di euro, tra il 2% e il 6% del Pil comunitario. P

I responsabili sono tanti attori diversamente ma congiuntamente colpevoli:  il traffico stradale, l’agricoltura, il riscaldamento a biomasse legnose: il contributo delle aziende è oramai il meno importante.

L’inquinamento in Italia è stato studiato dal Report sulla qualità dell’aria realizzato dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile in collaborazione con Enea e con la partnership delle Ferrovie dello Stato, e propone un decalogo per mettere in campo misure decisive contro l’inquinamento atmosferico che superino le emergenze e puntino sulla green economy. Dieci proposte che toccano temi di carattere generale e altri di tipo più specifico relativi ai singoli settori. Eccolein sintesi:

  1. Non lasciamo soli gli amministratori locali: serve una strategia nazionale per la qualità dell’aria
  2. Integriamo gli obiettivi sul clima e sull’inquinamento atmosferico nelle politiche energetiche nazionali
  3. Anticipiamo l’emergenza, intervenendo prima che si raggiungano livelli critici di inquinamento, finanziando ricerca e attività di monitoraggio
  4. Cambiamo il modo di muoversi in città, riducendo drasticamente l’uso dell’auto privata e puntando a meno di 500 auto ogni mille abitanti
  5. Riallochiamo gli investimenti pubblici e privati, privilegiando un trasporto pubblico, condiviso e integrato
  6. Miglioriamo radicalmente le performance ambientali dei mezzi di trasporto: meno gasolio e benzina, più elettrico, ibrido plug-in e gas
  7. Avviamo un efficace programma di riqualificazione profonda degli edifici pubblici e privati
  8. Variamo delle linee guida nazionali sull’utilizzo delle biomasse per il riscaldamento domestico
  9. Coinvolgiamo anche il settore agricolo e zootecnico, per ridurre drasticamente le emissioni di ammoniaca in atmosfera
  10. Portiamo la produzione industriale ad adottare gli standard più avanzati tra le migliori tecnologie disponibili


Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter , via Instagram e via Youtube.


Massa Critica è una piattaforma di informazione, partecipazione e attivazione dei cittadini diversa dalle altre, che non vuole solo fornire contenuti importanti su sostenibilità , tecnologia , innovazione , startup , cibo , social innovation. Massa Critica vuole favorire l'attivazione ei quanti condividono aspirazioni nuove e innovative.

Per sostenerci abbiamo bisogno del vostro contributo, per questo vi chiediamo di supportarci in questo momento straordinario. Grazie per il vostro contributo e per la vostra fiducia!


Donazione con Paypal o carta di credito



Donazione con Satispay