fbpx

Dove siamo rimasti con i sacchetti di plastica

Dopo la notizia del 28 agosto scorso sul Kenya che mette al bando i sacchetti di plastica, con pene per chi li usa, produce o importa a partire da 32 mila euro fino a quattro anni di detenzione, viene da chiedersi qual è la situazione in Italia.
Già dal 2012 c’è il divieto di uso degli “shopper” ma è solo dal 21 agosto 2014 che la commercializzazione dei sacchi non conformi a quanto prescritto dalla norma armonizzata UNI EN 13432:2002 è punita con la sanzione amministrativa pecuniaria del pagamento di una somma da 2.500 euro a 25.000 euro, aumentata fino al quadruplo del massimo se la violazione del divieto riguarda quantità ingenti di sacchi per l’asporto oppure un valore della merce superiore al 20 per cento del fatturato del trasgressore.
Nonostante ciò, secondo un osservatorio di Assobioplastiche , l’associazione italiana delle bioplastiche e dei materiali biodegradabili e compostabili, 7 ambulanti su 10 e 8 commercianti al dettaglio su 10 distribuiscono sacchetti fuorilegge.
Fino a luglio scorso in base alla Legge 28 del 24 marzo 2012, così come modificato dal decreto n. 179 del 18 ottobre 2012, gli unici shopper commercializzabili in Italia erano:
– quelli biodegradabili e compostabili conformi alla EN 13432;
– quelli riutilizzabili di spessore superiore a 100 micron per usi non alimentari e 200 micron per        gli usi alimentari, se con maniglia esterna alla dimensione utile del sacco;
– quelli riutilizzabili di spessore superiore a 60 micron per usi non alimentari e 100 micron per usi alimentari se con maniglia interna alla dimensione utile del sacco.
A partire dal 1° gennaio 2018 si prevede il divieto di commercializzazione delle borse di plastica in materiale leggero, nonché di altre borse di plastica con maniglia esterna (con spessore della singola parete superiore ai 200 micron) o interna (con spessore della singola parete superiore ai 100 micron). Questo nuovo divieto dei sacchetti di plastica dell’emendamento alla Legge europea 2017, uscito a luglio, è stato pensato in attuazione della direttiva europea n.2015/720/Ue
L’Italia è uno dei soli 6 Paesi al mondo, insieme a Belgio, Myanmar, Mauritania, Marocco e Kenya, il cui bando dei sacchetti di plastica è totale.


Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter , via Instagram e via Youtube.


Massa Critica è una piattaforma di informazione, partecipazione e attivazione dei cittadini diversa dalle altre, che non vuole solo fornire contenuti importanti su sostenibilità , tecnologia , innovazione , startup , cibo , social innovation. Massa Critica vuole favorire l'attivazione ei quanti condividono aspirazioni nuove e innovative.

Per sostenerci abbiamo bisogno del vostro contributo, per questo vi chiediamo di supportarci in questo momento straordinario. Grazie per il vostro contributo e per la vostra fiducia!


Donazione con Paypal o carta di credito



Donazione con Satispay