Recovery Fund e Next Generation EU: verso un’Europa e un’Italia più digitale e sostenibile

Il Consiglio Europeo ha dato il via libera al Recovery Fund alimentato da Next Generation EU un nuovo strumento temporaneo per la ripresa, che è dotato di una capacità finanziaria di 750 miliardi di euro di cui 390 miliardi di sussidi. All’l’Italia andranno 209 miliardi, di cui 127 di prestiti e 81 miliardi a fondo perduto.
Si tratta di strumenti a sostegno degli sforzi dagli Stati membri per riprendersi dalla crisi, superarne gli effetti e riemergere più forti, misure volte a stimolare gli investimenti privati e sostenere le imprese in difficoltà e rafforzamento di programmi strategici dell’UE per rendere il mercato unico più forte e più resiliente e accelerare la transizione verde e digitale, in linea con la strategia della Commissione Europea che punta sulla digital transformation e sul green deal.
Il premier Giuseppe Conte è soddisfatto: abbiamo approvato un piano di rilancio ambizioso e adeguato alla crisi che stiamo vivendo Abbiamo una grande responsabilità: con 209 miliardi abbiamo la possibilità di far ripartire l’Italia con forza e cambiare volto al Paese. Ora dobbiamo correre. Dobbiamo investirli per riforme strutturali, per crescere economicamente e raggiungere l’obiettivo di uno sviluppo sostenibile. Abbiamo la concreta possibilità di rendere l’Italia più verde, più digitale più innovativa, più sostenibile, più inclusiva – ha sottolineato – Investire nella scuola, nelle Università e nella Ricerca e nelle infrastrutture”.

Si deve puntare su  banda ultralarga fissa e mobile, digitalizzazione della burocrazia, una spinta verso le  tecnologie emergenti come intelligenza artificiale, blockchain,  cloud, scuola digitale, e-health. Questo richiederà riforme e investimenti strutturali per un Paese più verde, più digitale, più innovativo, più sostenibile, più inclusivo.

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha tenuto al Senato e alla Camera un’informativa sugli esiti del Consiglio europeo straordinario: “In passato si intendeva intervenire con logiche di rigore oggi invece è interamente orientata alla crescita economica e nel segno della transizione ecologica e digitale a favore di un’Europa più coesa e solidale, più vicina ai cittadini”.


Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter , via Instagram e via Youtube.


Massa Critica è una piattaforma di informazione, partecipazione e attivazione dei cittadini diversa dalle altre, che non vuole solo fornire contenuti importanti su sostenibilità , tecnologia , innovazione , startup , cibo , social innovation. Massa Critica vuole favorire l'attivazione ei quanti condividono aspirazioni nuove e innovative.

Per sostenerci abbiamo bisogno del vostro contributo, per questo vi chiediamo di supportarci in questo momento straordinario. Grazie per il vostro contributo e per la vostra fiducia!


Donazione con Paypal o carta di credito



Donazione con Satispay