fbpx

Facebook vuole fare concorrenza a Youtube. Ci riuscirà questa volta?

Dal prossimo mese video musicali saranno lanciati su Facebook. Il colosso creerà così una library di video musicali in diretta concorrenza con YouTube visto che le major della musica iniziano a mal sopportare You Tube

Facebook Watch farà vedere agli utenti i video musicali per dare alla piattaforma di Mark Zuckerberg maggiore attrattiva per i video. In questo modo le aziende musicali dovranno scegliere tra You Tube e Facebook. Questa novità rappresenta infatti una sfida diretta a YouTube di Google, il leader dello streaming di video.

Come funziona lo streaming?

Fino ad adesso gli artisti hanno sempre pubblicato delle anteprime dei video musicali, ma secondo i documenti esaminati da TechCrunch,  una nuova impostazione consentirà i proprietari delle pagine collegate agli artisti di autorizzare Facebook ad aggiungere i video musicali alla loro pagina.

Abilitando la nuova impostazione, “gli artisti stanno dando a Facebook il permesso di aggiungere video musicali alla loro Pagina”, dove possono essere visti dai loro fan nella scheda Video. Una volta abilitati, gli artisti possono modificare o rimuovere i loro video da questa destinazione in qualsiasi momento.

In precedenza, gli artisti con contratto con le principali etichette statunitensi avevano negato i diritti di licenza per condivisione di video completi su Facebook.

Le major discografiche sono pronte

Lo scorso dicembre Bloomberg aveva riferito che il gruppo di Menlo Park stava negoziando con le tre maggiori compagnie musicali — Universal Music Group, Sony Music Entertainment e Warner Music Group — per i diritti sui video musicali.

Secondo Bloomberg le etichette discografiche erano interessate a un’alternativa a YouTube perchè secondo loro non paga abbastanza.

You Tube ha un dominio ancora incontrastato

Come sottolinea TechCrunch, l’espansione di Facebook nei video musicali rappresenterà una sfida significativa per YouTube, che ha rappresentato il 46% dello streaming musicale mondiale al di fuori della Cina.

Quasi il 15% del traffico proviene dagli Stati Uniti. Secondo Cnet, il servizio di streaming di Google ha pagato oltre 3 miliardi di dollari all’industria musicale nel 2019. YouTube ha generato 15 miliardi di dollari di entrate nel 2019 e ha contribuito per circa il 10% a tutte le entrate di Google.

Secondo Google, YouTube ha oltre 20 milioni di abbonati tra le sue offerte Premium (YouTube senza pubblicità) e Music Premium, oltre a oltre 2 milioni di abbonati al suo servizio di televisione a pagamento. Facebook ha 2,6 miliardi di utenti attivi, ma che non pagano servizi premium.

 


Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter , via Instagram e via Youtube.


Massa Critica è una piattaforma di informazione, partecipazione e attivazione dei cittadini diversa dalle altre, che non vuole solo fornire contenuti importanti su sostenibilità , tecnologia , innovazione , startup , cibo , social innovation. Massa Critica vuole favorire l'attivazione ei quanti condividono aspirazioni nuove e innovative.

Per sostenerci abbiamo bisogno del vostro contributo, per questo vi chiediamo di supportarci in questo momento straordinario. Grazie per il vostro contributo e per la vostra fiducia!


Donazione con Paypal o carta di credito



Donazione con Satispay