fbpx

5G: Camera dei Deputati boccia mozione che chiedeva lo stop alle sperimentazioni

La Camera dei Deputati ha bocciato una mozione per lo stop al 5G. La mozione chiedeva al “Governo di adottare iniziative per sospendere qualsiasi forma di sperimentazione tecnologica del 5G nelle città italiane, in attesa della produzione di sufficienti evidenze scientifiche che ne giudichino l’innocuità”.

Sara Cunial, deputata del Gruppo Misto, prima firmataria della mozione, dopo la bocciatura ha dichiarato: “Quello che è accaduto oggi alla Camera durante la votazione sulla mozione sul 5G è una vergogna. Subito dopo una riunione di maggioranza che definire inusuale è dir poco, c’è stato un vero e proprio cambio di posizione da parte del Governo che in un primo momento ha accolto tutti gli impegni da noi proposti ed alcune premesse tra cui la valutazione della moratoria e poi, a seguito di indegne pressioni da parte di alcuni parlamentari di #Pd e #M5S, ha cambiato totalmente parere”.

“È inconcepibile – scrive ancora su Facebook – l’atteggiamento che ha avuto la maggioranza sia nei confronti del Parlamento che della stessa sottosegretaria Sandra Zampa che ci tengo a ringraziare per la sensibilità e la competenza dimostrata nei confronti dei contenuti della mozione. Certamente sarà un degno interlocutore per tutti coloro, cittadini e amministratori locali, che si stanno battendo su questo fronte per tutelare innanzitutto la salute dei cittadini”.

La maggioranza ha invece approvato un’altra mozione a prima firma Emanuele Scagliusi. Il deputato del M5S ha dichiarato: “Abbiamo approvato una mozione sul 5G, a mia prima firma, che impegna il Governo a proseguire con l’approfondimento degli studi e delle ricerche sull’elettromagnetismo, ad adoperarsi per rivedere e migliorare l’impianto normativo alla base della realizzazione delle infrastrutture di telecomunicazione nazionali di rete mobile e a tener conto dello sviluppo tecnologico in atto nel settore delle telecomunicazioni e delle opportunità di crescita che tale sviluppo offre al Paese”.

“Il compito della politica è quello di guidare questi cambiamenti nel modo migliore, avendo come priorità il benessere dei cittadini. Per questo, proseguiremo sulla strada dell’innovazione, sempre mantenendo alta l’attenzione sugli studi e sulle ricerche relative all’elettromagnetismo, facendo in modo che l’opinione pubblica sia sostenuta da un’informazione chiara ed esaustiva, evitando le strumentalizzazioni. Vogliamo farlo nel modo più sicuro possibile e per migliorare la vita dei cittadini. Allo stato attuale non c’è alcun motivo di preoccupazione per la salute che sia comprovato scientificamente” ha concluso Emanuele Scagliusi.

Image by mohamed Hassan from Pixabay 


Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter , via Instagram e via Youtube.


Massa Critica è una piattaforma di informazione, partecipazione e attivazione dei cittadini diversa dalle altre, che non vuole solo fornire contenuti importanti su sostenibilità , tecnologia , innovazione , startup , cibo , social innovation. Massa Critica vuole favorire l'attivazione ei quanti condividono aspirazioni nuove e innovative.

Per sostenerci abbiamo bisogno del vostro contributo, per questo vi chiediamo di supportarci in questo momento straordinario. Grazie per il vostro contributo e per la vostra fiducia!


Donazione con Paypal o carta di credito



Donazione con Satispay