La Commissione Europea apre un’indagine su Amazon per uso non corretto dei dati dei venditori indipendenti

La Commissione Europa ha deciso di aprire un’indagine per verificare se l’utilizzo da parte di Amazon dai dati dei dettaglianti indipendenti che vendono i loro prodotti attraverso la sua piattaforma viola le regole sulla concorrenza.

Secondo la commissaria Ue alla concorrenza Margarethe Vestager: “Dobbiamo assicurare che le piattaforme online non eliminino i benefici che il commercio elettronico offre ai consumatori attraverso comportamenti anti-competitivi. Il commercio elettronico ha stimolato la concorrenza nelle vendite al dettaglio, ha ampliato le possibilità di scelta e ha fatto scendere i prezzi. Ho deciso di esaminare molto attentamente le pratiche commerciali seguite da Amazon, e il suo doppio ruolo nelle vendite all’ingrosso e al dettaglio, al fine di verificare se la società stia rispettando le regole Ue sulla concorrenza”.

Per la Commissione Europea secondo i primi accertamenti preliminari Amazon utilizzerebbe informazioni sensibili dal punto di vista della concorrenza e potrebbe indurre a comportamenti non corretti visto che Amazon opera attraverso il suo sito web come dettagliante ma allo stesso tempo mette anche a disposizione la sua piattaforma per operatori indipendenti in modo tale che possano vendere direttamente i loro prodotti ai clienti.

Vai alla barra degli strumenti