SynDiag, piattaforma che assiste i medici vince la Start Cup Piemonte e Valle d’Aosta

SynDiag è la startup che ha creato la piattaforma che supporta i medici nell’identificazione precoce di tumori ovarici, il vincitore della XIV Start Cup Piemonte e Valle d’Aosta. La competizione, promossa dagli Atenei del territorio e gestita dai rispettivi incubatori, ha visto salire sul podio anche NoToVir, che mette a punto nuove ed innovative molecole brevettate ad attività antivirale, e Analitica Italia, che valorizza i prodotti agroalimentari Made in Italy attraverso metodologie di analisi chimica innovative e performanti.

Assistere i medici nelle interpretazioni ecografiche, tramite Intelligenza Artificiale per ultrasuoni, per sostenere la diagnosi precoce del tumore: questo il progetto di SynDiag, che si è aggiudicato a Torino il primo posto della XIV edizione di Start Cup Piemonte e Valle d’Aosta, la competizione per progetti, idee e aziende che vogliono trovare spazio nel mondo dell’imprenditoria, organizzata dagli incubatori universitari I3P Incubatore di Imprese Innovative del Politecnico di Torino, 2i3T Incubatore di Imprese dell’Università degli Studi di Torino, Enne3 Incubatore di Impresa del Polo di Innovazione di Novara e Pépinière d’Entreprises Espace Aosta nell’ambito del PNI – Premio Nazionale per l’Innovazione, promosso da PNICube, l’Associazione Italiana degli Incubatori Universitari e delle Business Plan Competition.

Il team di SynDiag, composto da cinque data scientists ed esperti di innovazione e management e pre-incubato presso I3P, ha sviluppato una piattaforma software basata su AI che supporta i medici durante gli esami ecografici di routine e di controllo, fornendo informazioni utili all’identificazione precoce di caratteristiche patologiche, in real time e in cloud. Ad oggi i software di SynDiag sono sviluppati per l’identificazione precoce di caratteristiche tumorali ovariche e progettati per i medici ginecologi non specialisti, che non posseggono quindi competenze specifiche dell’ambito oncologico e che possono fraintendere o sottovalutare le informazioni contenute nell’immagine ecografica, soprattutto nelle fasi iniziali dello sviluppo del tumore. “Il nostro scopo è sostenere la diagnosi precoce del tumore, velocizzare l’iter diagnostico e renderlo più oggettivo, ottimizzando i tempi e le risorse disponibili al sistema sanitario ed aumentando le speranze di vita delle pazienti”, spiega il team di SynDiag che con il progetto ha ricevuto un premio di 7.500 euro.

Al secondo posto della Start Cup Piemonte e Valle d’Aosta si classifica NoToVir, supportata dall’Incubatore Enne3: la mission è rappresentata dalle attività di screening, sviluppo e messa a punto di nuove ed innovative molecole brevettate ad attività antivirale per la produzione di principi farmacologici selettivamente attivi nei confronti di infezioni virali. NoToVir ha ricevuto un premio in denaro di 5.000 euro e si è aggiudicato anche la menzione speciale come miglior progetto di “Innovazione Sociale”.

Chiude il podio Analitica Italia, dell’incubatore Enne3: si tratta della prima startup che punta alla valorizzazione di prodotti agroalimentari, in particolare di quelli Made in Italy, attraverso metodologie di analisi chimica particolarmente innovative e performanti, in grado di tracciare, autenticare e garantire la qualità e la specificità dei prodotti analizzati in maniera simultanea, in tempi ridotti e con costi estremamente vantaggiosi. Il progetto prevede inoltre l’acquisizione di big data e la creazione di una blockchain, consultabile da enti o aziende interessate e di un sistema QR code applicabile alle etichette dei prodotti certificati e consultabile dai consumatori finali. Al progetto è andato un premio in denaro di 2.500 euro.

Ai quarti posti ex-equo si sono classificati: Frieco, che propone di affrontare il tema dei rifiuti a partire dall’apparecchiatura FRIDOM, la quale riduce il volume di scarti inorganici del 85%; TagPatch, piattaforma in grado di rendere automatica ed affidabile la lettura dell’elettrocardiogramma; GeDy TrAss, la cui idea di impresa è basata sullo sviluppo di un software numerico–analitico in grado di rendere più rapido, accessibile e performante il processo di progettazione di ingranaggi e trasmissioni.

I primi sei vincitori assoluti parteciperanno al PNI-Premio Nazionale per l’Innovazione, la “coppa dei campioni” tra i progetti di impresa vincitori delle 17 Start Cup regionali che per l’edizione 2018 si svolgerà a Verona dal 29 al 30 novembre.

Il premio speciale Valle d’Aosta, offerto dalla Regione Autonoma Valle d’Aosta al miglior business plan che insedi l’impresa nella Pépinière d’Entreprises di Aosta o di Pont Saint Martin, è stato assegnato a Qtool, che propone tecniche di fabbricazione additive, comunemente conosciute come stampa 3d, per ridurre – durante il processo di produzione di pezzi – i tempi di raffreddamento fino al 75%, le distorsioni fino al 40% e il costo di produzione fino al 60%.

Il miglior progetto di “Pari Opportunità”, premio che promuove il principio delle pari opportunità e l’imprenditorialità femminile, è invece MinMax, della designer Monica Oddone: si tratta di un’innovativa bicicletta pieghevole, progettata puntando al massimo livello di trasportabilità, garantito da un meccanismo che permette la piegatura delle ruote, raggiungendo le dimensioni più contenute possibili senza sacrificare il comfort in uso e l’uso di ruote da 23″.

LASCIA UN COMMENTO