Test drive del servizio MiMoto a Torino: il futuro dello sharing elettrico è lo scooter free floating ?

Abbiamo provato il servizio Mimoto sbarcato a Torino dopo Milano, dove in meno di un anno conta già 30 mila utenti. La start up che per prima ha proposto lo scooter sharing elettrico in Italia ha scelto il capoluogo piemontese come seconda città in cui sviluppare il suo servizio in partnership con IrenGo, la linea di business del Gruppo Iren dedicata alla mobilità elettrica.
Mimoto parte sotto la Mole con una flotta iniziale di 150 scooter a energia elettrica da produzione idroelettrica e offre un servizio free floating tramite app con cui è possibile individuare e prenotare lo scooter biposto più vicino, fornito di caschi.

Gli scooter di MiMoto a Torino

Questo slideshow richiede JavaScript.

Abbiamo scaricato la app e ci siamo registrati sul sito dove abbiamo dovuto inserire i dati della patente per poter dimostrare di avere l’abilitazione a guidare il motorino. Poi con la app come per tutte le piattaforme di sharing di veicoli è possibile trovare il mezzo più vicino, prenotarlo gratuitamente per 20 minuti o direttamente iniziare l’utilizzo dopo averlo raggiunto.
Il funzionamento della app è semplice ma funzionale. Prima invita a mettersi il casco aprendo il bauletto poi dopo averlo richiuso si può salire in sella e partire accendendo la moto con la app. Nel bauletto ci sono due caschi di diverse taglie per teste piccole e grandi.

La App di Mimoto

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lo scooter ha il cambio automatico e va fino a 45-50 chilometri in città. Il motorino si guida senza problemi. Il sibilo del motore elettrico è molto modesto, molto meno di quello che si sente nel video. Si viaggia davvero con piacere. Nel caso dobbiate fermarvi potete spegnere il motorino, farvi le vostre commissioni e ripartire.

La tariffa al minuto è di 0,23, mentre in sosta si pagano 0,09 euro. Quindi un uso medio di circa 10 minuti costa circa 2.5 euro …. poi c’è una tariffa oraria forfettaria di € 6,90 e una tariffa giornaliera forfettaria di € 29,90.

Potrebbe essere una vera rivoluzione per la mobilità elettrica a Torino che permette di muoversi velocemente senza inquinare e con costi interessanti. Ovviamente tempo pemettendo.

LASCIA UN COMMENTO