Una piattaforma open source con i dati cartografici del Piemonte disponibili per tutti i cittadini

Far confluire tutti i dati geografici del Piemonte, provenienti da fonti della pubblica amministrazione e da soggetti terzi autorizzati, in un’unica piattaforma open source fruibile da tutti i cittadini è la finalità della legge sull’infrastruttura regionale per l’informazione geografica, approvata nei giorni scorsi dal Consiglio regionale.

Un quadro normativo che fissa i principi e le regole per la produzione e la fruizione di dati geografici, integrati attraverso le tecnologie di informazione e comunicazione in conformità alle norme nazionali ed europee. “L’evoluzione delle tecnologie digitali – ha detto l’assessore all’Ambiente, Governo e tutela del territorio della Regione Piemonte, Alberto Valmaggia – ha interessato e modificato radicalmente il concetto di cartografia, la sua complessità ed il suo utilizzo. La semplice rappresentazione su carte topografiche cartacee di pochi elementi territoriali (altimetria, idrografia, abitati, limiti amministrativi), ad elevato ed efficace effetto visivo ma legata ad una interpretazione soggettiva, ha lasciato il campo alla possibilità di rappresentare molti più oggetti che possono essere agevolmente sovrapposti e messi in relazione tra loro grazie ai Sistemi informativi geografici”. Di qui la possibilità, ha proseguito Valmaggia, “di rendere coerenti e interoperabili i dati prodotti dai diversi uffici competenti per materia, rafforzando le iniziative di coordinamento e di condivisione delle conoscenze”.

L’obiettivo è quindi far convergere nell’Infrastruttura regionale per l’informazione geografica i dati con contenuto territoriale provenienti da varie fonti, a partire dagli uffici regionali ma anche da soggetti esterni all’amministrazione, pubblici e privati, individuandone l’autorità responsabile e quindi garantendone validità, coerenza e diffusione. Ad esempio, i dati ambientali acquisiti dalle Province, le informazioni sul patrimonio edilizio in possesso dei Comuni e quelle prodotte con la redazione dei piani regolatori, le misure catastali dall’Agenzia delle entrate.

L’insieme dei dati geografici, con determinate caratteristiche di organicità e coerenza, costituisce la Base dati territoriale di riferimento degli enti (BDTRE) da cui, già da qualche anno, è derivata la base cartografica ufficiale della Regione, pubblicata annualmente sul GeoPortale regionale, principale punto di condivisione dell’informazione geografica (www.geoportale.piemonte.it). Altre informazioni sono reperibili alla pagina istituzionale (www.regione.piemonte.it/territorio/cartografia). L’estrazione automatica e l’elaborazione dei dati dai procedimenti amministrativi “dematerializzati” gestiti dalla Regione diventa fonte di alimentazione della base geografica comune.


Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter , via Instagram e via Youtube.


Massa Critica è una piattaforma di informazione, partecipazione e attivazione dei cittadini diversa dalle altre, che non vuole solo fornire contenuti importanti su sostenibilità , tecnologia , innovazione , startup , cibo , social innovation. Massa Critica vuole favorire l'attivazione ei quanti condividono aspirazioni nuove e innovative.

Per sostenerci abbiamo bisogno del vostro contributo, per questo vi chiediamo di supportarci in questo momento straordinario. Grazie per il vostro contributo e per la vostra fiducia!


Donazione con Paypal o carta di credito



Donazione con Satispay