La Piramide del CNR sotto all’Everest dove si studiano cambiamenti climatici e ambientali, fisiologia umana e geologia

Il Laboratorio-Osservatorio Internazionale Piramide una risorsa unica per la ricerca scientifica in alta quota. Il Laboratorio Piramide nasce nel 1990, a 5050 metri di quota, nella Valle del Khumbu, Sagarmatha National Park, ai piedi del versante nepalese dell’Everest e porta il nome del Prof. Ardito Desio.

Grazie alla sua particolare posizione geografica, la Piramide offre un’opportunità per lo studio dei cambiamenti climatici e ambientali, della medicina e della fisiologia umana in condizioni estreme, della geologia, della geofisica e dei fenomeni sismici. L’area remota, inoltre, all’interno del Parco naturale più alto della Terra, fornisce una condizione unica per lo studio della vita umana, animale e vegetale, nonché del clima, dell’atmosfera e del trasporto di inquinanti.

La struttura è gestita interamente dall’Associazione Ev-K2-CNR insieme alla Nepal Academy of Science and Technology (NAST). Questa lunga collaborazione ha dato vita a 520 missioni scientifiche, con la partecipazione di 220 ricercatori afferenti a 143 diverse istituzioni scientifiche provenienti da molte nazioni, senza contare che gran parte degli esperti e dei ricercatori, che hanno tratto vantaggio scientifico nelle loro ricerche attraverso la Piramide, provengono da paesi sia europei (Austria, Francia, Germania, Inghilterra e Svizzera) che extra-europei (Australia, Canada, Giappone e Stati Uniti d’America).

La forma piramidale del Laboratorio-Osservatorio consente di abbinare i vantaggi di una struttura di grande stabilità (una base quadrata di 13.22 m per lato e un’altezza di 8.40 m), a quelli derivati dalla naturale resistenza dell’azione degli agenti atmosferici dell’acqua, neve e vento. Il rivestimento esterno di vetro a specchio, inoltre, le permette di integrarsi perfettamente con l’ambiente circostante e di limitare la concentrazione di energia solare termica all’interno della struttura.

Il complesso è auto-sufficiente grazie a un sistema di rifornimento energetico ibrido, comprendente una micro centrale idroelettrica (alimentata da una conduttura di acqua che attinge da un piccolo lago situato sopra la Piramide) e un sistema di pannelli solari (4 settori indipendenti sul lato sud e due sul lato est del laboratorio). Sono stati testati anche generatori eolici ma con risultati poco soddisfacenti e, in caso di emergenza, è inoltre disponibile un generatore di energia catalitica a emissione ridotta.

Inizialmente il Progetto Ev-K2-CNR era rivolto in particolar modo al settore delle scienze della terra, con il Laboratorio-Osservatorio Internazionale Piramide, il progetto ha avuto la sua estensione in altri settori di ricerca scientifica: dalla medicina alla fisiologia, dalle scienze ambientali a quelle antropologiche, dagli studi sulle tecnologie pulite a quelli sui sistemi di gestione ambientale. Nel corso del tempo, una grande ricchezza di conoscenze, iniziative e rapporti di partenariato internazionale si sono accumulati e continuano ad aggiungersi alle attività di Ev-K2-CNR.


Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter e via Youtube.