Seguici su

Startup

Fino a fine luglio c’è tempo per partecipare all’Iren Start-up Award

Il Gruppo Iren ha lanciato la prima edizione della Iren Start-up Award, il concorso rivolto alle giovani imprese a livello europeo che hanno sviluppato soluzioni innovative nei settori dell’energia, dell’ambiente e del ciclo idrico.
Il programma si propone di ricercare e selezionare giovani aziende che si distinguano per originalità e innovazione e che intendano collaborare con Iren nel loro percorso di crescita.

Attraverso un percorso di selezione, Iren offrirà alle start-up sessioni di formazione per prepararle al confronto con il mercato e per farle incontrare con gli attori dell’ecosistema dell’innovazione, dando la possibilità di collaborare con la società per lo sviluppo e l’applicazione sul campo delle soluzioni innovative. Inoltre, alla migliore start-up sarà assegnata una sponsorizzazione di 10 mila euro.

Risulterà vincitore il progetto che si distinguerà rispetto a sei fattori chiave: gruppo di lavoro, mercato potenziale, prodotto, difendibilità, aspetti economici, adattabilità alla strategia attuale e prospettica di Iren.

L’iniziativa, che è uno degli strumenti di Open Innovation di cui IREN si è dotata, è frutto di una collaborazione con ‘StartUp Initiative’, il programma di accelerazione di Intesa Sanpaolo che seleziona le più promettenti start-up high-tech per metterle in contatto con investitori e imprese. Il programma ha visto svolgersi più di 100 edizioni in 7 paesi, permettendo ai partecipanti di raccogliere oltre 118 milioni di euro di investimenti.

Gli imprenditori interessati possono presentare la propria candidatura al sito di Startup Award e presentando il piano aziendale o una sintesi del loro progetto entro e non oltre il 30 luglio 2017.


Google NewsRicevi le nostre ultime notizie da Google News - SEGUICI


Massa Critica è una piattaforma di informazione, partecipazione e attivazione dei cittadini per favorire l'attivazione di quanti condividono aspirazioni nuove e innovative su sostenibilità , tecnologia , innovazione , startup , cibo , social innovation, salute.
.Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter , via Instagram e via Youtube.


Per sostenerci abbiamo bisogno del vostro contributo, per questo vi chiediamo di supportarci concretamente attraverso Paypal o Satispay. Grazie per il vostro contributo e per la vostra fiducia!


Donazione con Paypal o carta di credito



Donazione con Satispay


Digitale

A Novara Silicon Box porta un impianto produttivo per la realizzazione di semiconduttori e microchip per un investimento complessivo di 3,2 miliardi di euro

Silicon Box ha scelto Novara come sede del suo impianto produttivo per la realizzazione di semiconduttori e microchip, il primo nel suo genere in Europa, per un investimento complessivo di 3,2 miliardi di euro.

L’annuncio è arrivato durante la conferenza stampa per la firma della lettera di intenti che si è svolta a Roma a Palazzo Piacentini, sede del Mimit, alla presenza del ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso, dei co-fondatori di Silicon Box Sehat Sutardja e Weili Dai, del presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio e del sindaco di Novara Alessandro Canelli.

Il sito di Novara è stato selezionato dall’azienda attraverso un processo di valutazione dettagliato, con il supporto di esperti e consulenti indipendenti. A pieno regime l’impianto potrà generare 1.600 nuovi posti di lavoro diretti, a cui si aggiungeranno quelli indiretti per la costruzione della fabbrica e per le forniture e la logistica a essa collegate.

Lo stabilimento sarà costruito e gestito secondo i principi europei di riduzione al minimo l’impatto sull’ambiente. L’investimento è al momento ancora soggetto all’approvazione della Commissione Europea.

Il sito contribuirà a soddisfare la domanda di assemblaggio di semiconduttori, principalmente nel mercato europeo, per abilitare nuove tecnologie come applicazioni di nuova generazione nel campo dell’intelligenza artificiale, calcolo ad alte prestazioni e componenti per veicoli elettrici.

L’investimento di Silicon Box si inserisce a pieno titolo nella strategia europea segnata dal Chips Act – che punta a raddoppiare la quota di mercato globale dell’Ue nel settore dei semiconduttori entro il 2030, dal 10 ad almeno il 20% – e nella strategia italiana per la microelettronica, che stanzia 4 miliardi per attrarre in Italia grandi investimenti e punta a irrobustire la ricerca industriale avanzata.

L’arrivo della multinazionale di Singapore a Novara rappresenta il secondo grande investimento in Italia nel settore della microelettronica in poche settimane, dopo quello da 5 miliardi annunciato a fine maggio da parte di STMicroelectronics per la costruzione di un nuovo impianto a Catania per la produzione in grandi volumi di carburo di silicio (SiC) da 200 mm per dispositivi e moduli di potenza, nonché per attività di test e packaging.

“L’annuncio di oggi – ha sottolineato Urso – conferma la validità del nostro piano strategico sulla microelettronica: è in atto un effetto volano degli investimenti sui chip in Italia. Silicon Box è davvero un caso modello, un unicum nel panorama internazionale, sarà il primo impianto di produzione di chiplet in Europa. Un partner industriale che ci farà crescere nel settore dell’alta tecnologia e che ci permetterà di aumentare le capacità di design e nel know how”. Urso ha poi aggiunto che “dall’inizio del 2024, se sommiamo l’investimento di Silicon Box a quello di STMicroelectronics e altri più contenuti da parte di aziende straniere in Italia – oltre all’assegnazione della linea pilota sui materiali ad alta resistenza che la Commissione europea ha voluto realizzare nella Etna Valley in Sicilia – arriviamo a un ammontare complessivo di oltre 9 miliardi di euro sulla microelettronica nel nostro Paese. Un dato, solo nei primi sei mesi dell’anno, non riscontrabile in nessun altro Paese europeo”.

Il presidente Cirio ha ribadito l’importanza dei risultati raggiunti in questi anni alla guida della Regione: “Il mio primo mandato da presidente del Piemonte si è concluso con l’importante risultato del secondo modello di auto a Mirafiori a Torino e il secondo si apre con il coronamento di un lavoro che ci impegnato negli ultimi mesi con il Governo, il Comune di Novara e Silicon Box per un investimento straordinario, da oltre 3 miliardi di euro, che approda in Piemonte con oltre 1.600 posti di lavoro in un settore che rappresenta il futuro della manifattura e che si aggiunge a altri investimenti annunciati nelle scorse settimane a conferma di quanto sia strategica la scelta del governo italiano di insediare in Piemonte e a Torino la sede della Fondazione per l’intelligenza artificiale”. Poi ha sottolineato che “l’investimento di Silicon Box rappresenta per noi un risultato straordinario, dimostra che investire in Piemonte è conveniente e conferma l’attrattività crescente del nostro territorio che ha battuto la competizione di regioni come la Lombardia e il Veneto che per anni sono state il locomotore del Nord a cui oggi si aggiunge a pieno titolo anche il Piemonte grazie al grande lavoro di questi anni e al fatto che, con Tav e Terzo Valico, che vanno a completamento nei prossimi anni, proprio in questo territorio si incroceranno le grandi direttrici europee di mobilità e di scambio delle merci. Ci abbiamo lavorato tanto, ci abbiamo creduto, abbiamo investito tempo, rapporti e risorse. Questo è il primo passo della Silicon Valley in Italia ed è un’occasione unica che rende il nostro Piemonte sempre più centrale in Italia e in Europa”.

Il sindaco Canelli ha parlato di “grande risultato per la nostra città. L’arrivo di Silicon Box costituisce un investimento strategico epocale non solo per Novara e per il Piemonte, ma per l’Italia tutta. Da 10 mesi a questa parte abbiamo lavorato per costruire un dossier di candidatura che ha consentito di portare in città questo insediamento che di fatto dà inizio ad un cambio di paradigma sullo sviluppo futuro di Novara e del nord est del Piemonte con la nascita di un hub della scienza e della tecnologia e di un distretto dell’innovazione per il quale la nuova produzione per i semiconduttori sarà centrale e il cui ruolo includerà lo svolgimento di compiti aggiuntivi relativi all’ambiente tecnologico, territoriale ed economico che la nuova fabbrica andrà a creare intorno ad essa. Missione che porterà anche a nuove opportunità di collaborazione con Università italiane ed enti di ricerca europei. Un intervento che prevede anche un importante rigenerazione urbana di aree industriali dismesse e degradate nel tessuto urbano. Inoltre, il progetto avrà un impatto rilevantissimo sul piano dell’occupazione, certamente, ma anche e soprattutto sul piano economico e formativo”. Canelli ha poi precisato che “Novara non è stata scelta a caso: la posizione strategica del nostro territorio è senz’altro stata essenziale nella decisione finale, ma gli investitori hanno visto molto di più nella nostra città. Hanno visto un tessuto produttivo florido, un’Università dove arrivano studenti da tutta Europa, hanno visto la presenza di scuole tecniche già altamente specializzate. Silicon Box non sarà dunque solo un parco tecnologico, ma una realtà dove verrà fatta formazione e che si impegnerà a creare un ecosistema della filiera dei semiconduttori e che aiuterà la nostra città’ ad avviare ulteriori progetti di riqualificazione e rigenerazione”.


Google NewsRicevi le nostre ultime notizie da Google News - SEGUICI


Massa Critica è una piattaforma di informazione, partecipazione e attivazione dei cittadini per favorire l'attivazione di quanti condividono aspirazioni nuove e innovative su sostenibilità , tecnologia , innovazione , startup , cibo , social innovation, salute.
.Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter , via Instagram e via Youtube.


Per sostenerci abbiamo bisogno del vostro contributo, per questo vi chiediamo di supportarci concretamente attraverso Paypal o Satispay. Grazie per il vostro contributo e per la vostra fiducia!


Donazione con Paypal o carta di credito



Donazione con Satispay


Continue Reading

In Evidenza

Al via l’edizione dei 20 anni della Start Cup Piemonte Valle d’Aosta

È partita l’edizione 2024 di Start Cup Piemonte Valle d’Aosta, il concorso per imprenditori innovativi, promosso dal Politecnico di Torino, dall’Università degli Studi di Torino e dall’Università del Piemonte Orientale, giunto alla sua ventesima edizione, e finanziato dalla Regione Piemonte con le risorse del Fondo Sociale Europeo Plus.

Start Cup Piemonte Valle d’Aosta è organizzata dagli incubatori I3P e 2i3T nell’ambito del Premio Nazionale per l’Innovazione (PNI), promosso da PNICube.Start Cup Piemonte Valle d’Aosta si articola in due tappe, il Concorso delle Idee (Fase I) aperto alle candidature fino al 28 giugno, e poi la Business Plan Competition (Fase II) che sarà aperta dal 29 giugno al 29 luglio 2024.Si può partecipare a una sola o a entrambe le fasi della competixion e gratuitamente, presentando un’idea di impresa oppure un progetto imprenditoriale che, indipendentemente dallo stadio di sviluppo, siano frutto del lavoro di un singolo o di un gruppo di individui e finalizzati alla nascita di una startup innovativa.

Possono partecipare, individualmente o in gruppo, tutti gli aspiranti imprenditori maggiorenni, universitari e strutturati di atenei e centri di ricerca (studenti universitari, laureati, dottorandi o PhD di ricerca, assegnisti o borsisti di ricerca, professori strutturati) e i titolari di imprese appena avviate come specificato sul Regolamento della competizione.

Sono cinque le categorie di gara – Cleantech & Energy, ICT, Industrial, Life Sciences, Turismo e Industria Culturale e Creativa, mentre i premi in denaro e in servizi hanno un valore totale di oltre 75.000 euro di montepremi.

Ai primi sei progetti in classifica sarà riconosciuta l’iscrizione al PNI 2024, il Premio Nazionale per l’Innovazione, la cosiddetta “coppa dei campioni” tra i progetti di impresa vincitori delle 16 Start Cup regionali che quest’anno si svolgerà giovedì 5 e venerdì 6 dicembre 2024 a Roma.

Fase 1:  “Concorso delle Idee”: dal 4 giugno al 28 giugno 2024
Fase 2  “Concorso dei Business Plan”: dal 29 giugno al 29 luglio 2024

Google NewsRicevi le nostre ultime notizie da Google News - SEGUICI


Massa Critica è una piattaforma di informazione, partecipazione e attivazione dei cittadini per favorire l'attivazione di quanti condividono aspirazioni nuove e innovative su sostenibilità , tecnologia , innovazione , startup , cibo , social innovation, salute.
.Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter , via Instagram e via Youtube.


Per sostenerci abbiamo bisogno del vostro contributo, per questo vi chiediamo di supportarci concretamente attraverso Paypal o Satispay. Grazie per il vostro contributo e per la vostra fiducia!


Donazione con Paypal o carta di credito



Donazione con Satispay


Continue Reading

Startup

La fotografia delle startup torinesi nella Ricerca sulle Startup e il Sistema dell’Innovazione a Torino diel Club degli Investitori

Il Club degli Investitori, in collaborazione con ToTeM Torino Tech Map e con il supporto della ESCP Business School e di Growth Capital, ha presentato i risultati della quarta edizione della “Ricerca sulle Startup e il Sistema dell’Innovazione a Torino”.

Torino ha registrato 675 startup e PMI innovative, segnando un aumento dello 0,6%, in contrasto con la diminuzione nazionale del -3,5%. Il 63% di queste aziende è attivo in settori ad alta tecnologia come Deeptech, Aerospazio, Energia, CleanTech, Scienze della Vita, Software, Cybersecurity, Mobilità e Automotive. Il numero di imprese a Torino è cresciuto dello 0,6 per cento, in contrasto con la tendenza nazionale negativa, ma il totale dei finanziamenti è stato inferiore nel 2023 rispetto all’anno precedente.

Nel 2023, il settore delle biotecnologie si è confermato il più attraente in termini di volumi di investimento, mentre il numero di startup finanziate è passato da 40 a 60 nel 2022 grazie all’aumento delle aziende nell’aerospazio.

Le startup a Torino hanno raccolto un totale di 65 milioni di euro nel 2023, mostrando una significativa diminuzione rispetto ai 400 milioni di euro del 2022. Escludendo gli investimenti in Newcleo, tuttavia, Torino mostra una diminuzione del 35% rispetto al 2022, risultando leggermente più resiliente rispetto alla diminuzione nazionale del -37%.

A Torino, ci sono più di 30 incubatori e acceleratori, e più di 20 investitori professionali con un budget potenziale di 1 miliardo di euro per operazioni di venture capital, a livello globale, nei prossimi 5/10 anni. Torino mantiene la sua posizione come seconda città italiana considerando sia il volume degli investimenti sia il numero di startup finanziate.

La maggioranza degli imprenditori e degli investitori suggerisce che Torino dovrebbe concentrare i suoi sforzi puntando sull’aerospazio, deep tech e scienze della vita come i principali settori su cui concentrarsi per colmare il divario con altre città europee comparabili.

Giancarlo Rocchietti, Presidente del Club degli Investitori, ha dichiarato: “Il sistema delle startup innovative sta rapidamente trasformando Torino in una città high-tech, ricca di capitali e tecnologia e capace di attrarre startup e talenti internazionali. Per crescere nella posizione all’interno dell’ecosistema globale dell’innovazione, Torino dovrebbe identificare in modo più deciso i settori su cui concentrarsi, rafforzare l’interazione tra il settore pubblico e privato e agire sulla formazione e lo spirito imprenditoriale dei giovani”.

Durante l’evento di presentazione del rapporto tenutosi al Talent Garden Fondazione Agnelli, supportato da ToTeM Torino Tech Map, oltre a Giancarlo Rocchietti, Presidente del Club degli Investitori, che ha illustrato i risultati della ricerca, hanno partecipato come relatori Fabio Mondini (Founding Partner di Growth Capital), Cosimo Panetta (Managing Partner di The Doers), Irene Cassarino (CEO & Founder di The Doers), Maria Cristina Odasso (Head of Business Analysis di LIFTT), Giorgio Barberis (CEO di Fenera Equity Investments), Roberto Chiarle (Scientific Founder di ALKemist Bio) e Alessandro Vaiarelli (Founder & CEO di Microchannel Devices).


Google NewsRicevi le nostre ultime notizie da Google News - SEGUICI


Massa Critica è una piattaforma di informazione, partecipazione e attivazione dei cittadini per favorire l'attivazione di quanti condividono aspirazioni nuove e innovative su sostenibilità , tecnologia , innovazione , startup , cibo , social innovation, salute.
.Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter , via Instagram e via Youtube.


Per sostenerci abbiamo bisogno del vostro contributo, per questo vi chiediamo di supportarci concretamente attraverso Paypal o Satispay. Grazie per il vostro contributo e per la vostra fiducia!


Donazione con Paypal o carta di credito



Donazione con Satispay


Continue Reading

Suggerimenti per te

Seguici via Whatsapp

Iscriviti alla nostra Newsletter

Suggerimenti

Ultimi Articoli

Suggerimenti per te

Covering Climate Now

Suggerimenti per Te

Startup on Air

Startup Onair

Suggerimenti

CO2WEB