A Torino la storia della conquista dello spazio con la mostra Space Adventure

Mancano meno 2 mesi all’apertura, a Torino, di Space Adventure, la mostra che che in 4 anni ha coinvolto quattro milioni di visitatori attraverso lo spazio e le sue meraviglie raccontati attraverso reperti della NASA e dalla Città delle Stelle in Russia. La Mostra si terrà alla Promotrice delle Belle Arti  a Torino. Tute e navicelle spaziali, satelliti, razzi, modelli in scala, pietre lunari: oltre ottanta memorabilia originali che segnano il sentiero sulle orme di astronauti, tecnici e scienziati.

A Torino, città già impegnata con uomini, centri ricerca e industrie dell’aerospazio, la mostra è realizzata da Extramusem divulgazione scientifica e dall’Associazione RADAR. Space Adventure è una produzione dell’US Space & Rocket Center, il museo della NASA di Huntsville-Alabama.

Un viaggio che racconta le incredibili conquiste dell’uomo nelle esplorazioni spaziali per terminare nello Space Camp: 400 mq di pura interattività dove, grazie ai simulatori, i visitatori potranno sperimentare le stesse sensazioni che provano astronauti e cosmonauti durante l’addestramento, dall’assenza di gravità alla perdita dell’orientamento spaziale, oppure cimentarsi nell’atterraggio dello Space Shuttle al ritorno di una missione.

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’Unione Sovietica aveva lanciato la sua sfida nel cosmo agli USA dal 1957, lanciando in orbita il primo satellite artificiale, lo Sputnik, la cagnolina Laika e poi il primo uomo nello spazio, Jurij Gagarin. Così iniziava l’avventura dell’uomo nello spazio che avrebbe coronato un sogno antico di secoli.

È questo, anche se non solo questo, lo spirito di quest’impresa che permise agli Stati Uniti, nel luglio del 1969 di inviare uomini sulla Luna, e, nel luglio 1975, alla capsula sovietica Sojuz e a una navicella spaziale del programma Apollo di agganciarsi in orbita in un abbraccio di grande potenza simbolica.


Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter e via Youtube.