L’Italia è sempre più un paese virtuoso nel riciclo e nell’economia circolare

Secondo i dati presentati ad Ecomondo in Italia ogni minuto si riciclano e recuperano 10 tonnellate di carta e cartone. Un risultato che si pone all’avanguardia in Europa nella raccolta differenziata di materiale cellulosico. Raccolta che nel 2017 è aumentata dell’1,6% rispetto al 2016 con circa 3,3 milioni di tonnellate raccolta (+52.600). La raccolta procapite supera i 54 Kg per abitante.

A spingere il positivo risultato sulla raccolta differenziata carta e cartone del 2017 è stato soprattutto il Sud Italia con un +6,1%; a livello di raccolta pro-capite, l’Abruzzo ha confermato le performance migliori dell’area. Il Centro Italia è cresciuto dell’1,6% grazie soprattutto alle performance della Toscana.
Il Nord si trova in una situazione di sostanziale stabilità, garantendo costanza in una raccolta già matura da anni che vede ai vertici della classifica nazionale regioni come Emilia Romagna, Trentino Alto Adige e Lombardia.

Ma il nostro Paese è all’avanguardia anche per il recupero di altre tipologie di imballaggio. Sono state infatti 8,8 milioni le tonnellate di rifiuti da imballo avviate a riciclo nel 2017, in crescita del 3,7% rispetto al 2016, a fronte di un immesso al consumo pari a 13,1 milioni di tonnellate (+2,8% sull’anno precedente). In totale, considerando anche la quota di imballaggi destinata a recupero energetico, nel 2017 10,2 milioni di tonnellate di rifiuti di imballaggio sono state avviate a recupero complessivo (pari al 78% dell’immesso al consumo).

Oltre a carta e cartone abbiamo risultati positivi anche per le altre tipologie. Così sono state recuperate 47.800 tonnellate di imballaggi in alluminio, pari al 68,6% dell’immesso nel mercato, cioè 69.700 tonnellate. Si tratta di: lattine per bevande, scatolette e vaschette per il cibo, anche quello per animali, bombolette spray, tubetti per creme e conserve, tappi, chiusure ed anche il foglio sottile.

Per quanto riguarda l’acciaio lo scorso anno il recupero è stato del 75,3% in rapporto all’ immesso al consumo per un totale di 361.403 tonnellate, in crescita del +1,3% sul 2016. Gli imballaggi di alluminio immessi al consumo lo scorso anno sono stati pari a 479.737.

Nel 2017 la raccolta differenziata di vetro ha raggiunto 2.019.000 tonnellate con un aumento dell’8,9% su base annua. Rispetto al 2016 il riciclo di imballi è aumentato del 4,8% con 1.769.224 tonnellate mentre l’immesso al consumo è cresciuto dll’1,9% attestandosi su 2.430.040 tonnellate con un tasso di riciclo pari al 72,8% rispetto al 70,8 del 2016.

Risultati in aumento anche per il legno che ha visto il riciclo di 1.800.00 tonnellate di imballaggi con un incremento del 10% sul 2016. La gran parte di questo materiale è costituito dagli imballaggi in legno (pallet, cassette per l’ortofrutta, casse, gabbie, bobine per cavi) che vengono complessivamente riciclati con una percentuale oltre il 60% dell’immesso al consumo. Sono poi 592.000 le tonnellate di rifiuti legnosi provenienti dalla raccolta differenziata,

LASCIA UN COMMENTO