Ucraina: Save the Children, 400.000 bambini in fuga dal paese in cerca di salvezza esposti al rischio fame, traffico e abusi

Almeno 400.000 bambini nell’area di crisi in Europa orientale sono stati costretti a cercare salvezza altrove e sono esposti al rischio di fame, malattie, traffico e abusi, dopo che il numero di persone costrette a fuggire dall’operazione militare russa in Ucraina ha raggiunto il milione. Secondo Save the Children, l’Organizzazione che da oltre 100 anni lotta per salvare le bambine e i bambini a rischio e garantire loro un futuro, almeno il 40% dei profughi che hanno raggiunto Romania, Polonia, Moldavia, Ungheria, Slovacchia e Lituania, per mettersi in salvo sono bambini, e c’è chi tra loro non ha altro che i pochi vestiti che indossa.

Secondo quanto riportato dalle Nazioni Unite, un milione di persone ha già attraversato i confini per lasciare l’Ucraina, numero che non include gli sfollati interni che sono ancora nel Paese. Le proporzioni di questo esodo possono portare alla più grande crisi di rifugiati del secolo in Europa.

Il grande flusso di persone in fuga ha creato code di 24 ore ai posti di controllo alla frontiera, e, una volta usciti dall’Ucraina, i rifugiati vengono accolti in luoghi riadattati al momento, come scuole o centri per conferenze, case private o campi di fortuna, situazioni che rappresentano una preoccupazione per la condizione dei bambini.

Anna*, 29 anni, è fuggita in Romania con la figlia di quattro anni Daryna* e il figlio di due anni Danilo*. Sono fuggiti dalla loro casa in Ucraina, insieme alla sorella e alla madre di Anna, quando i combattimenti si sono avvicinati all’area di una centrale nucleare. “Siamo fuggiti perché avevamo paura. C’erano bombardamenti nella zona. L’aeroporto era stato bombardato e i combattimenti si stavano avvicinando a una centrale nucleare,” ha raccontato Anna. “Sulla strada abbiamo visto aerei sopra la testa e le strade erano molto trafficate. Abbiamo visto sparare razzi e distruggere edifici. C’erano sirene che suonavano costantemente. Mio marito è rimasto lì, ci ha accompagnato fino al confine prima di tornare indietro. Abbiamo potuto portare solo pochi vestiti e alcune medicine. I bambini non capiscono cosa sta succedendo, e noi ci sentiamo molto male”.

Anna ha raccontato a Save the Children la reazione di sua figlia Daryna: “A volte quando sentiva dei colpi diceva che aveva paura. Quando correvamo a nasconderci in cantina diceva che aveva paura e pensava ai carri armati in arrivo. Speriamo solo che i combattimenti finiscano e che possiamo tornare a casa”. Anna spera di poter proseguire verso la Repubblica Ceca dove hanno amici che possono aiutarli. Per ora è stata con i suoi figli sono stati in un campo temporaneo prima di trasferirsi in un Centro di Accoglienza dove si trovano ora e dove Save the Children gestisce spazi a misura di bambino, dove i bambini possono giocare e riprendersi dalle esperienze traumatiche che hanno vissuto, e fornisce anche alle famiglie come quella di Anna cibo e altri generi di prima necessità, oltre al supporto e alle informazioni necessarie per affrontare la situazione in cui si trovano.

“Sappiamo che quando i bambini sono costretti ad abbandonare le proprie case e si spostano per cercare salvezza, sono esposti ad un rischio elevato di traffico, di abusi, compresa la violenza sessuale, e di gravi disagi psicologici,” ha dichiarato Irina Saghoyan, Direttrice di Save the Children per l’Europa Orientale. “È anche inaccettabile che alcuni bambini e le famiglie siano costretti a stare all’aperto senza alcun riparo a temperature così rigide come in questo momento. Siamo fortemente preoccupati per i rischi di malattie come l’ipotermia,” ha aggiunto la direttrice. “E tutto questo prima ancora di pensare anche all’enorme impatto degli eventi della scorsa settimana sul benessere mentale di questi bambini. Le loro case, scuole e comunità sono state distrutte, sono stati separati da familiari e amici, in una sola settimana la guerra ha strappato loro l’intera vita e tutto ciò che hanno di più caro.”

“Per ora, è vitale che tutti questi bambini che entrano nei paesi vicini siano protetti e abbiano accesso a cibo salvavita, acqua pulita, riparo e supporto per la loro salute mentale. Ma la catastrofe che stiamo vedendo svolgersi davanti ai nostri occhi non si fermerà finché la violenza non si fermerà, e i bambini e le loro famiglie non saranno al sicuro. In ogni conflitto sono i bambini a sopportare il peso maggiore e dobbiamo fermarlo ad ogni costo”.

In Romania, gli operatori e i volontari di Save the Children continuano ad aiutare i rifugiati che arrivano al confine con l’Ucraina e nei centri di accoglienza, con la distribuzione di generi di prima necessità e con altri servizi di supporto. In Polonia, l’Organizzazione si sta coordinando con i partner locali per valutare la situazione e rispondere ai bisogni il più rapidamente possibile.

In Ucraina, Save the Children è presente dal 2014, fornendo aiuti umanitari essenziali ai bambini e alle loro famiglie, sostenendo il loro accesso all’istruzione, supportandoli a livello psicosociale, distribuendo kit invernali e kit per l’igiene, e fornendo denaro alle famiglie in modo che possano soddisfare le esigenze di base come il cibo, l’affitto e le medicine, o in modo che possano investire in nuove attività.


Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter , via Instagram e via Youtube.


Massa Critica è una piattaforma di informazione, partecipazione e attivazione dei cittadini diversa dalle altre, che non vuole solo fornire contenuti importanti su sostenibilità , tecnologia , innovazione , startup , cibo , social innovation. Massa Critica vuole favorire l'attivazione ei quanti condividono aspirazioni nuove e innovative.

Per sostenerci abbiamo bisogno del vostro contributo, per questo vi chiediamo di supportarci in questo momento straordinario. Grazie per il vostro contributo e per la vostra fiducia!


Donazione con Paypal o carta di credito



Donazione con Satispay