Da un gruppo di docenti universitari di Torino la proposta della Paperoniale un’imposta sulla ricchezza finanziaria

Sono 4 milioni i poveri in Italia che, con l’aggravarsi dell’emergenza sanitaria, saranno costretti per Natale a chiedere aiuto per il cibo da mangiare nelle mense o con la distribuzione di pacchi alimentari. I dati diffusi nella Giornata Mondiale dei Poveri (il 15 novembre, voluta da Papa Francesco) fanno riferimento alla proiezione sugli ultimi dati del Fondo per indigenti (Fead), con l’aumento di oltre il 40% delle richieste di aiuto agli Enti impegnati nel volontariato.

La nuova ondata di contagi non limita solo la convivialità durante le feste di fine anno, ha anche aggravato la situazione di quanti si trovano in una condizione di precarietà. Fra i nuovi poveri nel Natale 2020 ci sono coloro che hanno perso il lavoro, piccoli commercianti o artigiani che hanno dovuto chiudere, le persone impiegate nel sommerso che non godono di particolari sussidi o aiuti pubblici e non hanno risparmi accantonati, come pure molti lavoratori a tempo determinato o con attività saltuarie che sono state fermate dalla limitazioni rese necessarie dalla diffusione dei contagi per Covid.

Persone e famiglie che mai prima d’ora avevano sperimentato condizioni di vita così problematiche. Le situazioni di difficoltà sono diffuse lungo tutta la Penisola ma le maggiori criticità si registrano nel Mezzogiorno con il 20% degli indigenti che si trova in Campania, il 14% in Calabria e l’11% in Sicilia ma condizioni diffuse di bisogno alimentare si rilevano anche nel Lazio (10%) e nella Lombardia (9%) dove più duramente ha colpito l’emergenza sanitaria, secondo gli ultimi dati Fead.

L’iniziativa promossa da docenti universitari piemontesi chiede al Parlamento di introdurre un’imposta sulla ricchezza finanziaria, e quindi non sulle proprietà, con esenzione delle famiglie meno abbienti. Proprio dalla zona rossa, dove un gruppo di economisti e sociologi universitari hanno analizzato la realtà con supporti statistici e studi a livello nazionale, arriva una proposta “rivoluzionaria” per la quale i promotori lanciano una petizione.

Sul sito www.paperoniale.it, gestito dal Centro Studi Argo di Torino, è possibile consultare il testo e conoscere la strategia elaborata dai professori. Si tratta di introdurre un contributo di solidarietà con aliquote progressive (non superiori all’1%) calcolate sulla ricchezza finanziaria. Nella norma – chiedono i promotori –  deve essere espressamente stabilito che i proventi di questo contributo dovranno essere interamente investiti nel miglioramento dei servizi per i cittadini, in particolare a vantaggio delle persone maggiormente in difficoltà, e per creare lavoro per i giovani disoccupati. Entro questo ambito la ripartizione dei fondi dovrà essere oggetto di una rigorosa valutazione tecnica.

Indipendentemente da quanto stabilirà il Parlamento – si legge nel testo – Si suggerisce la totale esenzione per la metà delle famiglie a più basso reddito, un’aliquota media intorno allo 0,8% per il decimo più ricco, e un’aliquota media intorno allo 0,15% per le altre. Dato che in Italia la ricchezza finanziaria è molto concentrata, il gettito dovrebbe essere superiore ai 20 miliardi.

Sul sito vi sono i necessari approfondimenti, ma può essere utile ricordare, a sostegno della petizione, alcuni dati che dovrebbero essere ovvi e purtroppo non lo sono.

  1. La ricchezza di cui parliamo è quella ufficialmente censita, quindi l’imposta potrebbe essere riscossa “con un click”, come già avviene per l’imposta di bollo sui risparmi. È per questo che si chiede di tassare la sola ricchezza finanziaria, e non quella immobiliare, cosa che richiederebbe pratiche complesse.
  2. I grandi patrimoni finanziari sono perlopiù frutto di redditi da capitale, che sono tassati in modo proporzionale e non progressivo, in contrasto con la Costituzione. Quindi l’imposta che suggeriamo, avendo aliquote progressive, è pienamente coerente col dettato costituzionale.
  3. Al di là di ogni altra considerazione, siamo in un’emergenza: le risorse vanno trovate là dove sono e dove è facile reperirle.
  4. Infine, è giusto chiedere la solidarietà dell’Europa; ma ci sembra profondamente sbagliato che l’Italia non contribuisca a questa solidarietà chiedendo un contributo ai propri cittadini in grado di darlo. E sarebbe ora di affermare il principio che chi deve fare dei sacrifici, quando è necessario, deve soprattutto essere chi ha di più, e non chi ha di meno.

I Primi firmatari:

  • Filippo Barbera, Università di Torino
  • Maria Luisa Bianco, Università del Piemonte Orientale
  • Giancarlo Cerruti, Università di Torino
  • Bruno Contini, Università di Torino
  • Federico Dolce, Centro Studi Argo
  • Ugo Mattei, Università di Torino
  • Guido Ortona, Università del Piemonte Orientale
  • Serena Pellegrino, già vicepresidente della Commissione Ambiente e Lavori Pubblici della Camera dei Deputati
  • Francesco Scacciati, Università di Torino
  • Andrea Surbone, scrittore
  • Pietro Terna, Università di Torino
  • Teodoro Togati, Università di Torino
  • Willem Tousijn, Università di Torino

Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter , via Instagram e via Youtube.


Massa Critica è una piattaforma di informazione, partecipazione e attivazione dei cittadini diversa dalle altre, che non vuole solo fornire contenuti importanti su sostenibilità , tecnologia , innovazione , startup , cibo , social innovation. Massa Critica vuole favorire l'attivazione ei quanti condividono aspirazioni nuove e innovative.

Per sostenerci abbiamo bisogno del vostro contributo, per questo vi chiediamo di supportarci in questo momento straordinario. Grazie per il vostro contributo e per la vostra fiducia!


Donazione con Paypal o carta di credito



Donazione con Satispay