Perchè Katherine Johnson è una donna da ricordare

La Nasa ha annunciato con un Tweet la morte della sua illustre scienziata. Katherine Johnson ha sfidato il sessismo e il razzismo ed è diventata una delle più grandi matematiche al mondo. I suoi calcoli hanno reso possibili le missioni spaziali della NASA, tra cui lo sbarco sulla luna dell’Apollo 11 nel 1969.

Chi era Katherine Johnson

Katherine Coleman Goble Johnson, matematica, informatica e fisica, ha dovuto lottare per essere accettata all’università e per poter lavorare in ambito aerospaziale.

La società americana degli anni ’50 non concepiva una carriera per una donna afro-americana, ma questo non l’ha intimorita.

Figlia di un boscaiolo e un’insegnante di in una piccola città del West Virginia, le sue umili origini sono state una spinta a migliorare le sue condizioni.

Gli studi e la carriera alla Nasa

A soli 14 anni si diploma e si laurea in matematica e francese con la valutazione Magna cum laude nel 1937 all’età di 18 anni per poi trasferirsi in Virginia, per insegnare matematica, francese e musica in una piccola scuola elementare.

Nel 1938 diventa la prima donna afroamericana ad aver superato le barriere segregazioniste dell’Università della Virginia Occidentale a Morgantown.

Fu uno dei tre studenti afroamericani, nonché l’unica donna, selezionati per integrare la scuola di specializzazione, dopo la sentenza della Corte Suprema del Missouri.

Inizia a lavorare alla Nasa (all’epoca Naca) e da subito si contraddistigue per la sua bravura anche se, fino al 1958, insieme alle sue colleghe di colore era costretta a lavorare in una sezione separata.

Prima autrice donna di un testo di matematica astronomica e partecipò a tutte le più importanti missioni della Nasa dell’epoca, compresa quella dell’Apollo 11, il leggendario sbarco sulla luna per poi ritirarsi nel 1986.

Katherine Johnson prende la medaglia della libertà da Obama
Il film sulla sua vita

Nel 2016 fu prodotto Il diritto di contare, un film su di lei e le sue colleghe afro-americane della NASA, basato sul libro omonimo di Margot Lee Shetterly.

Il film ha ricevuto 3 candidature agli e Oscar e durante la cerimonia di premiazione, Katherine Johnson, novantottenne, fu acclamata dal pubblico con una standing ovation.

 

 


Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter , via Instagram e via Youtube.


Massa Critica è una piattaforma di informazione, partecipazione e attivazione dei cittadini diversa dalle altre, che non vuole solo fornire contenuti importanti su sostenibilità , tecnologia , innovazione , startup , cibo , social innovation. Massa Critica vuole favorire l'attivazione ei quanti condividono aspirazioni nuove e innovative.

Per sostenerci abbiamo bisogno del vostro contributo, per questo vi chiediamo di supportarci in questo momento straordinario. Grazie per il vostro contributo e per la vostra fiducia!


Donazione con Paypal o carta di credito



Donazione con Satispay