A Torino nascerà l’Iron Valley , il parco culturale della Torino industriale

Prosegue il percorso per la realizzazione del museo a cielo aperto a Parco Dora, il parco culturale della Torino industriale  che diventerà la Iron Valley. L’allestimento racconterà, con la collaborazione dei cittadini, il passato e il presente di Parco Dora, uno dei luoghi più significativi del recente passato della Città, oggi luogo di rigenerazione urbana e ambientale.
La Città ha espletato le procedure per l’affidamento della progettazone dell’allestimento.

Il progetto definitivo deliberato dalla Giunta comunale prevede che l’allestimento si snodi su due linee principali: allestimenti materiali e immateriali.
Entrambi gli assi si ispirano alle destinazioni originali dell’area nel tentativo di riattivare i ricordi del tempo. Quello materiale è costituito da una piazza, realizzata secondo le richieste dei cittadini, attrezzata con postazioni di osservazione e sedute per la sosta e da quattro percorsi tematici segnalati da totem informativi distribuiti lungo i camminamenti già esistenti all’interno del parco.
Gli elementi di arredo urbano sono tutti appositamente progettati per il parco e sono dotati di un sistema di illuminazione realizzato esclusivamente tramite pannelli fotovoltaici integrati nell’arredo stesso. Corredano l’allestimento una tavola orientativa e uno spazio denominato “caleidoscopio” in cui accanto a delle sedute è installato un modello tridimensionale della valle del ferro.
L’allestimento immateriale, invece, enfatizza sia il carattere storico, sia il vissuto contemporaneo del parco culturale, demandando all’apparato digitale e virtuale l’immersione nel mondo perduto dell’industria del Novecento. Un sito web  e una App compongono l’allestimento immateriale. Il sito web è pensato per consentire l’esplorazione e la conoscenza delle narrazioni storiche multimediali articolate nei quattro percorsi tematici.

Il sito sarà composto da schede testuali, gallerie fotografiche, documenti di approfondimento, video, mappe tematiche e interattive, documenti audio; è inoltre strutturato per essere l’interfaccia virtuale di un progetto partecipato di Public History, che coinvolgerà i cittadini nel racconto di questo magnifico parco. Completa l’allestimento immateriale un‘app per tablet e smartphone progettata per consentire l’esplorazione virtuale, in 3D e con contenuti di realtà aumentata, di alcuni luoghi del Parco culturale per una fruizione della storia di tipo immersivo.


Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter e via Youtube.