StessoPiano inaugura la sua nuova sede in via Massena 1G a Torino, oltre 1.500 ragazzi hanno trovato casa grazie al progetto

Giovedì 13 dicembre, il progetto StessoPiano inaugura la nuova sede in via Massena 1G, Torino, con un evento aperto a proprietari e coabitanti, amici e soprattutto a chi non conosce ancora il progetto e ha una casa da affittare o cerca un appartamento in affitto in coabitazione.

Il servizio per la promozione della coabitazione giovanile nel mercato privato della locazione, gestito dalla cooperativa DOC con la collaborazione e il sostegno del Programma Housing della Compagnia di San Paolo, si trasferisce in un nuovo ufficio in centro e vicino alla metropolitana e Stazione di Porta Nuova, più grande per poter accogliere in spazi adeguati i proprietari di appartamenti e giovani in cerca di una nuova sistemazione abitativa.

Il progetto StessoPiano, nato nel 2008, si pone l’obiettivo di facilitare l’incontro tra proprietari di appartamenti e giovani studenti e lavoratori tra i 18 e i 35 anni interessati all’esperienza della coabitazione a Torino. In questi anni, oltre 1.500 ragazzi hanno trovato casa grazie al progetto, con quasi 800 contratti stipulati, in appartamenti distribuiti in tutta la città. Attualmente sono 150 gli alloggi con un contratto attivo stipulato nell’ambito di StessoPiano.

Lo Sportello StessoPiano è in via Massena 1G, Torino, aperto nei seguenti giorni: lunedì, mercoledì e sabato dalle 10 alle 15; martedì, giovedì e venerdì dalle 15 alle 20.

I servizi offerti da StessoPiano sono:

– mette a disposizione la consulenza di professionisti per la scelta del tipo di contratto e il canone di locazione, valutando le agevolazioni fiscali previste dall’Accordo territoriale della città di Torino;

– promuove l’appartamento, seleziona i gruppi di coabitanti, organizza e gestisce le visite in appartamento;

– offre a tutti i proprietari la tutela di un Fondo di garanzia per coprire eventuali morosità e danni fino ad un massimo di 3.000 euro, valido per tutta la durata del contratto;

– offre un Bonus una tantum di 800,00 euro ai proprietari che decidono di stipulare contratti a canone concordato secondo la Legge 9 dicembre 1998, n. 431, art. 2 comma 3 e ai proprietari che decidono di destinare i propri immobili a giovani lavoratori e a prezzo calmierato;

– offre ai coabitanti la possibilità di ottenere un Prestito d’onore per sostenere le spese iniziali (quali la cauzione, l’acquisto di mobili, le prime mensilità di affitto);

– offre un servizio di consulenza legale e mediazione per eventuali conflitti con i coabitanti per tutta la durata della locazione.

LASCIA UN COMMENTO