Vaccine Hunter: la via americana verso l’immunità di gregge all’insegna di condivisione, salute e sostenibilità

Di fronte alla necessità di vaccinare al più presto il maggior numero di persone possibili, ogni dose dei vari “antidoti” al Covid-19 risulta essere potenzialmente decisiva.

È quindi fondamentale ridurre al minimo il numero di fiale inutilizzate, in modo da accelerare i tempi per approdare alla tanto agognata immunità di gregge. Ancora una volta gli americani sembrano aver capito prima e meglio di tutti gli altri questa cosa, e hanno messo in atto il sito Vaccinehunter.org.

Il sito si propone di tracciare in tempo reale eventuali dosi di vaccini residue nei siti di distribuzione stato per stato, in modo da poter fornire a chiunque la possibilità, previa prenotazione online, di ricevere la prima dose, pur non facendo necessariamente parte delle categorie privilegiate. L’idea è nata ed è stata sviluppata da Doug Ward e Brad Johnson, che si autodefiniscono “Guru dei siti internet” e “Maghi della logistica”. Entrambi infatti, sono stati da subito in prima linea nelle attività di somministrazione dei vaccini, Johnson in particolare, avendo fondato, in tempi non sospetti, il gruppo Facebook NOLA Vaccine Hunters, da cui, poco dopo, è scaturito l’omonimo portale, esteso a tutto il terrirorio degli Stati Uniti. Nella homepage del sito si può leggere il manifesto programmatico del progetto, quanto mai esplicativo. “A causa della complessità circa la conservazione in ambiente estremamente freddo che il vaccino contro il Covid richiede, ci sono rare occasioni per cui dosi residue potrebbero non essere somministrate ed essere disponibili per chiunque. Quando un sito di distribuzione scongela una cassetta con centinaia di fiale, esse devono essere somministrate tra le 5 e le 24 ore successive (a seconda dell’azienda produttrice del vaccino). In un primo momento, in linea con il protocollo, le dosi rimanenti dovevano essere gettate via. Ma qualora non ci fossero più pazienti alla fine della giornata, alcuni fornitori cominceranno a permettere a chiunque di farsi avanti per ricevere la sua prima dose. Puntiamo ad aiutare a connettere tra loro e a cercare informazioni sui siti di distribuzione che hanno dosi in scadenza, con l’obiettivo di far sì che chiunque possa essere mobile e pronto per la sua prima dose”.

Lo scorso venerdì, il programma di La7 Propaganda Live ha dedicato un breve reportage a proposito dell’argomento. La procedura è piuttosto semplice: nella parte bassa del sito si trova il monitoraggio aggiornato sui siti di distribuzione che possiedono fiale scongelate ma non distribuite. Cliccando su quella più vicina, l’utente si può iscrivere al gruppo Facebook creato ad hoc e potrà dunque prenotare il suo posto per ricevere la prima dose. In questo modo chiunque può vaccinarsi in anticipo, precedendo anche di mesi la propria immunizzazione. Una strategia che si sta rivelando decisamente efficace negli States e che si spera possa fare scuola anche in Europa e in Italia, in modo che, mediante lo stesso meccanismo, ci si possa avvicinare al più presto alle percentuali di vaccinati d’oltreoceano e si possa ricominciare davvero a vivere come prima.


Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter , via Instagram e via Youtube.


Massa Critica è una piattaforma di informazione, partecipazione e attivazione dei cittadini diversa dalle altre, che non vuole solo fornire contenuti importanti su sostenibilità , tecnologia , innovazione , startup , cibo , social innovation. Massa Critica vuole favorire l'attivazione ei quanti condividono aspirazioni nuove e innovative.

Per sostenerci abbiamo bisogno del vostro contributo, per questo vi chiediamo di supportarci in questo momento straordinario. Grazie per il vostro contributo e per la vostra fiducia!


Donazione con Paypal o carta di credito



Donazione con Satispay