WhatsApp aggiorna le norme d’uso. Inizia la fuga degli utenti verso Telegram e Signal

WhatsApp sta aggiornando i termini del suo servizio e l’informativa privacy dandone comunicazione con un messaggio  che presenta le nuove norme entreranno in vigore a partire dal prossimo 8 febbraio.

I principali aggiornamenti includono informazioni sulle modalità del trattamento dei dati e su come le aziende possono utilizzare i servizi disponibili su Facebook per gestire le chat WhatsApp.

In Europa i nuovi termini di servizio e dell’informativa privacy non comportano modifiche alle modalità di condivisione dei dati di WhatsApp. Sul punto un portavoce di WhatsApp afferma:

Non ci sono modifiche alle modalità di condivisione dei dati di WhatsApp nella Regione europea (incluso il Regno Unito) derivanti dall’aggiornamento dei Termini di servizio e dall’Informativa sulla privacy. WhatsApp non condivide i dati degli utenti WhatsApp dell’area europea con Facebook allo scopo di consentire a Facebook di utilizzare tali dati per migliorare i propri prodotti o le proprie pubblicità

Per evitare fraintendimenti val la pena quindi ricordare che:

  • Agli utenti WhatsApp si applica nella regione europea una policy a parte per la privacy
  • WhatsApp Ireland è l’entità che fornisce il servizio WhatsApp agli utenti nella Regione europea (compresi gli utenti nel Regno Unito). WhatsApp Inc. (ora LLC) invece fornisce il servizio agli utenti al di fuori della regione europea in conformità con diverse leggi
  • Non ci sono modifiche sostanziali al trattamento dei dati di base nella Regione europea: e in particolare è invariato il fatto che WhatsApp non condivide i dati degli utenti WhatsApp nella Regione europea con Facebook per consentire a Facebook di utilizzare questi dati per migliorare i propri prodotti e le proprie pubblicità

WhatsApp precisa infine che se in futuro dovesse scegliere di condividere i dati degli utenti con le società di Facebook, lo farà solo dopo aver raggiunto un accordo con la Commissione irlandese per la protezione dei dati.

WhatsApp chiarisce nell’informativa privacy quale tipo di informazioni condivide con le aziende di Facebook (in Europa, come detto, resta in vigore il precedente regime della scelta volontaria)

Attualmente, WhatsApp condivide solo alcuni tipi di informazioni con le aziende di Facebook. Le informazioni che condividiamo con le altre aziende di Facebook includono le informazioni sulla registrazione dell’account (come il numero di telefono), i dati delle transazioni, informazioni relative ai servizi, informazioni su come interagisci con gli altri utenti (comprese le aziende) quando utilizzi i nostri Servizi, informazioni sul tuo dispositivo mobile e sul tuo indirizzo IP. Possono includere anche altre informazioni indicate nella sezione “Informazioni raccolte” dell’Informativa sulla privacy o raccolte previa comunicazione o con il tuo consenso

Come abbiamo annunciato a ottobre, WhatsApp vuole rendere più facile per le persone acquistare e ricevere assistenza da un’azienda direttamente su WhatsApp. Anche se la maggior parte delle persone usa WhatsApp per chattare con amici e familiari, sempre più persone lo utilizzano anche per interagire con le aziende. Per maggiore trasparenza, abbiamo aggiornato l’informativa sulla privacy per chiarire che, in futuro, le aziende potranno scegliere di avvalersi di servizi di hosting sicuro forniti dalla nostra società madre Facebook, per gestire le comunicazioni con i loro clienti su WhatsApp. Naturalmente, spetta sempre all’utente decidere se vuole o meno comunicare con un’azienda su WhatsApp.
Questo aggiornamento non riguarda le modalità di condivisione dei dati di WhatsApp con Facebook e non influisce sul modo in cui le persone comunicano privatamente con amici o familiari, ovunque si trovino nel mondo. WhatsApp continua a impegnarsi a fondo per proteggere la privacy delle persone. Stiamo comunicando direttamente con gli utenti su WhatsApp in merito a questi cambiamenti, in modo che abbiano il tempo di visionare la nuova policy nel corso del prossimo mese.

La nuova informativa privacy evidenzia ulteriormente come le aziende del gruppo Facebook possono utilizzare le informazioni raccolte tramite WhatsApp. Questi dati vengono usati per:

  • aiutare a migliorare l’infrastruttura e i sistemi di consegna
  • comprendere come vengono usati i servizi delle aziende di Facebook
  • promuovere le protezione, la sicurezza e l’integrità all’interno dei prodotti delle aziende di Facebook (ad esempio rafforzando i sistemi di controllo e contrastando spam, minacce, abusi e violazioni
  • migliorare i servizi e l’esperienze dell’utente ad esempio fornendo suggerimenti, personalizzando funzioni e contenuti, aiutando a completare acquisti e transazioni, e mostrando offerte e annunci all’interno dei prodotti delle aziende di Facebook
  • fornendo integrazioni che consentono all’utente di connettere le esperienze di WhatsApp con altri prodotti delle aziende Facebook, ad esempio consentendo la connessione dell’account Facebook Pay per effettuare pagamenti su WhatsApp

Gli utenti che rifiuteranno i nuovi termini di utilizzo, subiranno il blocco dell’app.

Queste variazioni stanno creando molte critiche negli utilizzatori tanto che in molti stanno abbandonando la piattaforma per trasferirsi stabilmente su Telegram o Signal invitando anche gli altri a migrare via da Whatsapp

WhatsApp diventerà anche  multidevice ovvero permettere ai propri utenti di effettuare l’accesso su quattro device contemporaneamente e utilizzare le chat su un apparecchio diverso dallo smartphone, anche quando questo è offline.

 


Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter , via Instagram e via Youtube.


Massa Critica è una piattaforma di informazione, partecipazione e attivazione dei cittadini diversa dalle altre, che non vuole solo fornire contenuti importanti su sostenibilità , tecnologia , innovazione , startup , cibo , social innovation. Massa Critica vuole favorire l'attivazione ei quanti condividono aspirazioni nuove e innovative.

Per sostenerci abbiamo bisogno del vostro contributo, per questo vi chiediamo di supportarci in questo momento straordinario. Grazie per il vostro contributo e per la vostra fiducia!


Donazione con Paypal o carta di credito



Donazione con Satispay