Investire in Startup in fase seed: opportunità, entusiasmo e rischi

In collaborazione con il Podcast Investire di Margherita Carpinteri, abbiamo intervistato il Presidente della holding di Business Angel iNSQUARED Mario Arcella sulle tematiche dell’investimento in Startup in fase Seed e pre-seed

Il ciclo di vita di una startup inizia con la fase pre-Seed e Seed

Nel ciclo di vita di una startup la prima fase è il pre seed, che è anche il momento fondamentalmente dell’idea. Durante questa fase si valuta se l’idea funziona, se c’è mercato e se dei potenziali clienti sarebbero disposti a pagare per il prodotto o servizio che si vuole offrire. Prima di trovare finanziatori professionisti si deve ricorrere molto spesso al bootstrapping: si usano risorse proprie, di amici o parenti.

La fase Seed è la fase dove si elabora il business model, cioè “un modello descrittivo di come un’organizzazione genera ricavi fornendo prodotti e/o servizi ai propri clienti”, si crea un business plan e si sviluppa un Minimum Viable Product (MVP), quindi, un prodotto minimo da mettere sul mercato. Durante questa fase del ciclo di vita di una startup ci saranno i primi veri finanziamenti e spesso provengono da business angel, crowdfunding o incubatori startup (questi finanziamenti di solito sono inferiori al mezzo milione di euro).

Come agisce iNSQUARED?

iNSQUARED è una Società di Capitali che investe prevalentemente in startup e PMI innovative e si propone di contribuire al business delle partecipate sostenendone lo sviluppo attraverso le competenze dei Soci e il loro network professionale. Fondata da un gruppo di Business Angel con esperienze trasversali, iN2 si muove nell’ecosistema startup e innovazione grazie a un network distribuito su tutto il territorio nazionale.

L’obiettivo di questa holding è chiaramente quello di creare valore per i Soci e di conseguenza fare tutto il possibile perché le startup in portafoglio abbiano successo. La quotazione in borsa è sicuramente la vera ambizione per ogni azienda.

Grazie Mario per la chiacchierata. Siete di fatto un gruppo di business angel, potete spiegare la fase seed di un investimento in Startup in cosa consiste?

Il ciclo di vita di una startup, seppur spesso molto breve, è molto vario: la si valida, si cercano i finanziamenti, si cerca di crescere molto rapidamente per poi terminare con l’Exit. Si parte dell’idea e la si valida: Bootstrap e Pre-seed. Se l’idea non è poi così male e un mercato disposto a pagare per l’idea c’è allora la Startup supera la fase del pre-seed.
La fase successiva è Il seed che non è altro che l’investimento nella primissima fase dell’idea d’impresa: durante questo periodo il prodotto/servizio è ancora in fase concettuale o di prototipo, l’azienda ha un fabbisogno ridotto (che serve sostanzialmente a coprire le prime spese di sviluppo) ed è alle prese con il business plan, con le analisi di mercato e con la ricerca del personale. Durante questa fase, generalmente, i finanziamenti (di solito inferiori a mezzo milione di euro complessivi) provengono da business angel o da realtà come iNSQUARED, quindi un gruppo di business angel. iNSQUARED opera, solitamente, nelle fase seed ed early stage (che è la fase successiva al seed)

Qual’è il taglio di investimento in Startup?

Solitamente interveniamo con ticket da 5k o 10k. Molto spesso, oltre ai ticket appena citati, associamo, per le startup che ne hanno bisogno, anche dei servizi a valore aggiunto con l’obiettivo di mantenere un contatto stretto con il management e creare valore.

Trend particolari su cui investite?

Senza essere dogmatici, iN² coglie le opportunità generate dal proprio network avendo come target preferenziale le aree FinTech, PropTech, Foodtech, E-Learning, BioTech, Crypto /Blockchain, AI, Hospitality, Mobility e Smart City.

Quale metriche guardate in un una Startup prima d’investire? Valutare il fatturato in fase iniziale è  difficile quindi quali aspetti del business plan o del modello di business osservate?

Quando si opera nelle fase seed ed early stage, parlare di metriche è davvero difficile. Diciamo che investiamo in realtà che hanno queste caratteristiche: forte innovazione proprietaria, spesso tecnologica, che permetta di individuare un vantaggio competitivo sostenibile nel tempo. Cerchiamo team il più completi possibile, ovvero composti non solo da figure tecniche, ma anche da persone con competenze gestionali, commerciali-marketing e finanziarie. Il team deve avere un approccio trasparente e disponibile al confronto.

Il tipo di azienda su cui investiamo sono start-up (0 a 2 M € di fatturato) che abbiano un elevatissimo potenziale di crescita e scalabilità, che permettano di arrivare almeno a 5-10 mil € di fatturato al terzo-quinto anno.

Se dovessi scegliere un paio di operazioni passate? Puoi raccontarmi le startup che più hanno caratterizzato il vostro persorso e perchè le avete scelte?

Ad oggi abbiamo partecipazioni in 12 startup  e PMI innovative, alcune sono esclusive ovvero il cui capitale non è accessibile al retail. Sono tutte partecipazioni che hanno caratteristiche di eccellenza, ma se dovessi sceglierne 2 per rilevanza, successo e qualità, evidenzierei di certo Trusters e GoVolt.

Trusters è una piattaforma italiana di lending crowdfunding che propone investimenti immobiliari online.  Il crowdfunding immobiliare è un sistema di finanziamento collettivo che, tramite la raccolta fondi online da parte di molteplici investitori, permette di investire in immobili e diversificare i rischi. Qualche mese fa Trusters ha raccolto 500.000 euro di aumento di capitale che sta utilizzando per scalare il proprio settore di mercato.

GoVolt invece offre servizi di micro-mobilità sostenibile in sharing che possano agevolare gli spostamenti urbani di cittadini, pendolari e visitatori. Se vivete a Milano non saranno passati inosservati i loro scooter colorati! Hanno un management di prim’ordine e durante il 2020 nonostante la crisi dovuta a covid-19 hanno portato avanti il business entrando nel settore del delivery con un progetto personalizzabile molto interessante.

Avete rapporti con incubatori o regioni?

Non abbiamo rapporti con le regioni, ma siamo in contatto con alcuni incubatori con cui stiamo lavorando a delle partnership strategiche.
Essere nei network degli incubatori è fondamentale per intercettare startup di qualità. Abbiamo di recente investito in Startup Wise Guys, di cui ora siamo LEAD Investor. Startup Wise Guys è uno tra i principali acceleratori europei e in Italia finanzia e sviluppa startup digitali (b2b e SaaS) ad alto potenziale.

Anche lo stato si sta muovendo per l’innovazione con Fondo nazionale innovazione anche se non ha ancora aperto a fasi seed, cosa ne pensate? 

Sappiamo che lo Stato è un elefante in movimento e che fa fatica a muoversi in un mondo estremamente dinamico e variegato come quello delle startup innovative. Questo spiega la scelta di effettuare gran parte delle operazioni affidandosi ad acceleratori e incubatori certificati. Probabilmente è la scelta migliore in questo momento, ma concentrare le risorse su pochi soggetti che fanno da gateway è chiaro che può evidenziare elementi di criticità e limitare l’accesso a questi fondi.

Cosa manca all’Italia per farle fare il salto di qualità in ambito Startup?

E’ un argomento per il quale occorrerebbe un giorno intero! Le startup sono aumentate anche nel lockdown, ma gli investimenti nell’innovazione italiana rimangono molto contenuti rispetto ai nostri competitor europei.

Il problema non è di semplice definizione ed è, a mio avviso, sistemico nel senso più letterale, e deleterio, del termine: partiamo dal fatto che chiamarle startup innovative è una tautologia visto che per definizione la startup deve esserlo. Anche il ruolo di Venture Capital e incubatori, associati al mondo dell’innovazione perché potenzialmente capaci di determinarne le sorti, ha le sue componenti.

I Venture Capital dovrebbero investire sulle aziende, diversificando e accettando il rischio della scommessa, ma in Italia manca liquidità e così i venture si trasformano in attenti valutatori, molto specializzati per segmenti, che giocano sul sicuro: al posto dei ragazzi nei garage, finanziano imprenditori con età media 38 anni, come ha rivelato uno studio sul tema. Ciò non è necessariamente sbagliato ma è evidente che si creano delle distorsioni. Distorsioni simili riguardano gli incubatori visto che chiunque avesse dello spazio libero a un certo punto ne ha istituito uno: c’è stato un momento paradossale in cui esistevano più incubatori che start up finanziate. Peccato che in teoria l’incubatore dovrebbe offrire guida e supporto per dare forma a un’idea e rendendola un’impresa, non consulenze spot offerta da management vario.

Giusto per avere un riferimento, negli Stati Uniti, si può fare da mentor ad altri startuppers solo se si è riusciti a vendere la propria società per almeno un milione di dollari.

In Italia, invece, non ci sono limiti né reali requisiti. Come sistema paese abbiamo quindi ancora tantissimo da fare e ce la possiamo fare perché abbiamo le marce giuste, dobbiamo solo ingranarle. Speriamo che i fondi messi a disposizione dall’Europa possano essere il carburante giusto.

Prima di lasciarci, ti faccio un’ultima domanda: so che state facendo un aumento di capitale. Se uno volesse avvicinarsi al mondo Startup e investire con voi cosa deve fare?

Si, l’aumento di capitale è rivolto a chi desidera avvicinarsi al mondo Startup e viverlo da dentro. Cerchiamo soci appassionati che mettano a disposizione le loro competenze e la loro energia. Abbiamo il sito www.insquared.it con tutti i nostri contatti: saremo felici di vedere il nostro gruppo crescere!

 

 


Vuoi saperne di più su Massa Critica ? Ecco la nostra presentazione.
Ti  è piaciuto Massa Critica ? Bene! Iscriviti alla nostra newsletter. e al nostro canale Telegram.
Se ti piace il nostro lavoro vai alla nostra pagina su Facebook e clicca su "Like".
Se preferisci puoi anche seguirci via Twitter , via Instagram e via Youtube.


Massa Critica è una piattaforma di informazione, partecipazione e attivazione dei cittadini diversa dalle altre, che non vuole solo fornire contenuti importanti su sostenibilità , tecnologia , innovazione , startup , cibo , social innovation. Massa Critica vuole favorire l'attivazione ei quanti condividono aspirazioni nuove e innovative.

Per sostenerci abbiamo bisogno del vostro contributo, per questo vi chiediamo di supportarci in questo momento straordinario. Grazie per il vostro contributo e per la vostra fiducia!


Donazione con Paypal o carta di credito



Donazione con Satispay